Un nome una band

tag

Miei cari,

dato che questo è sempre un blog Rock’n’roll, ho trovato questa sorta di tag su facebook e ho pensato di condividerlo con voi perché mi è sembrato veramente carino.

Iniziamo!

V elvet Underground

E ditors

R ooney

O asis

N ine inch nails

I ncubus

C aesars

A nthrax

E voi? Di quali rock band si compone il vostro nome?

Posted in Me, Rock'n'roll, Bimbominkiate, Carolina Invernizio | Tagged , , , , , , , | Leave a comment

Passeggino Stokke Scoot: ne vale la pena?

stokke-scoot-v2-stroller-soft-pink-6

Miei cari,

oggi piccolo post di servizio per parlarvi del passeggino che ho scelto di comprare per mia figlia, ovvero lo Stokke modello “Scoot”. L’idea di questo post è nata perché diverse persone, sia sui social che proprio dal vivo, mi hanno chiesto come mi trovi con questo passeggino e se lo consiglierei, soprattutto perché ha un prezzo non proprio economicissimo. Questo modello, che è considerato da “viaggio” perché si piega facilmente (più o meno) ed è più leggero del fratello Xplory.

Ho deciso quindi di esporvi i miei pro e contro, sperando così di aiutarvi a capire se è il passeggino che può fare per voi.

Pro:

Qualità: i materiali sono ottimi e lo si capisce a prima vista che è un passeggino resistente. Considerando che un bimbo usa il passeggino per 3 anni circa, spesso demolendolo, il fatto che questo sia così solido è un ottimo fattore a suo vantaggio.

Design: Ammettiamolo, il design è moderno e molto accattivante. La seduta, più rialzata rispetto ad altri passeggini, è secondo me decisamente più comoda sia per noi che dobbiamo sistemare il bimbo, sia per lui che si trova meno “infossato”. La seduta ha poi tre posizioni (eretta-semieretta-nanna) e il poggiapiedi che può essere regolato in base all’altezza del bimbo.

Comodità: è un passeggino tutto sommato leggero (non leggero come quelli a ombrello ovviamente ma non è nemmeno un convoglio ferroviario) ed è dotato di una capotte impermeabile e resistente ai raggi solari. Inoltre, sotto ha un ampio portapacchi molto robusto, ideale se siete soliti andare a fare spese in compagnia del vostro piccolo Gremlin. Acquistando poi gli appositi ganci, il sedile può essere anche sistemato in macchina.

Contro:

Prezzo: Parliamo di un passeggino che costa circa 600-700 euro. E’ vero che talvolta si può trovare in offerta ma ahimé, non sempre i tempi delle offerte coincidono con quelli delle nostre necessità.

Maneggevolezza: Come dicevo un po’ più su, bisogna fare un po’ di pratica per imparare a chiudere questo passeggino, perché non è semplicissimo. Inoltre, anche se chiuso, non è proprio il massimo della praticità perché il sedile è sì staccabile ma non si può piegare, dunque dovete avere un certo spazio per sistemarlo in macchina. Insomma, l’ingombro non è proprio minimo.

Conclusioni: Personalmente ho avuto la fortuna di comprarlo in offerta e quindi con un ottimo sconto, tuttavia credo che un passeggino del genere valga i soldi che costa, soprattutto se lo acquistate sin dall’inizio, perché è davvero resistente e non avrete bisogno di acquistarne un altro dopo un tot di tempo, come spesso accade. Tra l’altro questo passeggino può essere anche utilizzato come carrozzina acquistando l’apposita navicella e dunque si può usare sin dai primi giorni di vita di un bimbo. Se siete in attesa, vi consiglio di monitorare anche online i prezzi perché vi assicuro che ne vale la pena.

Posted in Bimbominkiate, Carolina Invernizio, Me | Tagged , , , , , , | 2 Comments

Make up facile anti-afa (more or less)

20170712_123717_resized

Cosa starò guardando?

Miei cari,

oggi al solito post molto girlie sul make up che sto realizzando ultimamente, che ha la grande qualità di non liquefarsi viste le temperature tropicali. Sono sincera, a meno che non debba assolutamente (leggi: impegni oppure faccia improponibile) non mi sto truccando granché, anche perché tutto quello che metto in faccia viene sputato via senza pietà dai miei pori, quindi amen. Per il resto, ecco quello che faccio quando ho voglia di sembrare un essere umano:

20170712_123719_resized

Base viso:

  • So bio Etic – Eau de teint numero 2
  • Neve Cosmetics –  Nascondino double precision Light
  • Purobio  – correttore n.18 (beige aranciato)
  • Lady Lya Biologica- correttore n. 437 come illuminante/lati del naso e arcata sopracciliare
  • Kiko – Radiant Fusion Baked Powder 02 Sabbia
  • Bottega Verde – Perle di luce (di una vecchia collezione ma in commercio c’è di certo una cosa simile)

Occhi

  • Purobio- Primer occhi
  • Estee Lauder – Pure color Intense kajal eyeliner  Blackened Black (palpebra e rima interna della palpebra superiore)
  • Neve Cosmetics – Pastello occhi Avorio (rima interna palpebra inferiore)
  • Neve Cosmetics – Ombretto Fly (utilizzato su tutta la palpebra, anche nell’arcata sopracciliare, alla grandissima)
  • Kiko – Less is better longlasting stick eyeshadow numero 03 (sotto l’occhio)
  • Wycon – Mascara step by step
  • Sopracciglia: Kiko matita numero 2/Brow Fix H&M

20170712_123725_resized

Labbra

  • Neve Cosmetics – Matita Lychee

Come potete vedere, il risultato è naturale e carino, una cosa semplice e non impegnativa insomma.

E voi? Che prodotti state utilizzando in questo periodo?

Posted in Carolina Invernizio, Fotografie, Me | Tagged , , , , , , , , , , , | 8 Comments

Quote of the day #28

zanzara

Miei cari amanti del rock’n’roll (e odiatori delle zanzare), non so se questa frase sia veramente stata pronunciata dal Dalai Lama ma dovevo per forza condividerla con voi. Oramai le zanzare mi perseguitano, tutto l’autan che metto è per loro una gustosa salsina e l’unica cosa che mi può veramente proteggere da loro sono solo gli effluvi dello zampirone, che però non sono propriamente salubri, anche perché spesso e volentieri mi fanno venire attacchi di rinite acuta.

Ma queste ed altre sono le bellezze dell’estate, stagione che comunque a me piace, anche se sono bianca come un cadavere e non ho ancora visto una spiaggia manco a pagarla, perché comunque ogni martedì e giovedì ci sono i film horror in tv, c’è la birra Corona fredda sale e limone che è trappana, lo so ma mi piace e soprattutto fa buio molto tardi, che per noi tristi d’animo è sempre una botta di vita!

Posted in Carolina Invernizio, La sfiga, Legge di Murphy, Me | Tagged , , , , | 15 Comments

Come eliminare il calcare in modo naturale

la-bella-lavanderina-canzoni-per-bambini-coccole-sonore

Miei cari,

se anche voi siete un po’ casalinghi disperati e odiate il calcare, questo è il post che fa per voi! Se detestate quelle schifose macchie che compaiono su bicchieri, biberon dei vostri bimbi (!), sui lavandini, varie ed eventuali, ecco a voi tre metodi economici, ecologici e rapidi per eliminare l’odiato calcare dalle vostre vite.

  • Aceto di vino: L’aceto di vino è un grande alleato contro il calcare, è infatti molto adatto anche per tenere pulito lo scarico della doccia o del lavandino. Basta versarne un po’ sulla parte interessata e strofinare delicatamente con una spugnetta per vederne i benefici. Se invece volete tenere pulito lo scarico, basterà banalmente versarvene un pochino all’interno.
  • Sale grosso: Questo è uno dei miei metodi preferiti. Basta mettere un po’ di sale grosso su una spugnetta e strofinare delicatamente per ottenere un effetto rapido e sicuro contro il calcare. Mi raccomando, specie se lo usate su bicchieri o bottigline dei bimbi, poi sciacquate bene il tutto!
  • Limone: Prendete un limone, togliete parte della polpa (non tutta ovviamente) et voilà, ecco pronta la vostra spugnetta anticalcare naturale con cui potrete pulire ciò che desiderate. Anche qui, attenzione sempre però a sciacquare bene il tutto!

E voi? Amate i consigli della nonna per la casa? Avete mai provato qualcuno di questi trucchetti?

Posted in Carolina Invernizio, Me, Non vi drogate bambini, Scoop! | Tagged , , , , , , | 5 Comments

Wishlist dell’immunità saldamentare

Miei cari,

oggi post molto frivolo per risollevarsi dalla calura di questo martedì e per parlare del mio momento preferito dell’anno, ovvero i SALDI! Come da tradizione, perché io sono pazza e vado sempre il primo giorno, ho già fatto due round almeno di acquisti saldamentari, però non sono del tutto soddisfatta, nel senso che c’è ancora qualcosa che desidero (e non è andata in saldi), quindi ho deciso di fermarla ipoteticamente qui, in modo da condividerla con voi e avere magari anche qualche suggerimento su dove trovare ciò che cerco a uno buon prezzo, perché ovviamente #poracceriaportamivia

1 – All star converse bianche

201420152016-converse-chuck-taylor-all-star-basse-optical-bianche-converse-chuck-taylor-uomo

Dato che le mie avevano fatto il loro tempo ed ho dovuto buttarle, vorrei ricomprarle senza però spendere una fucilata, perché onestamente 60 euro e rotti per delle scarpe di tela anche no.

2 – Una borsa da palestra 

ad741n00n-q1110

Sempre perché la mia oramai sta per fare il canto del cigno, avrei bisogno di una nuova borsa da palestra, possibilmente simile a questa che è Adidas by Stellina McCartney e costa un botto pure coi saldi, perciò sta bene come sta. Purtroppo mi sono resa conto che tendo sempre a ridurre male le mie sacche da palestra, perciò non ci voglio spendere più di un tot.

3 – Un costume intero

Questo è un acquisto che da un lato desidero fortemente, dall’altro non so proprio come mi potrebbe stare o meglio, se mi vergognerei ad indossarlo, perciò voglio aspettare un momento tattico in cui i negozi non sono sovraffollati in modo da poterlo provare in tranquillità. Odio fare la fila ai camerini (!)

tw481da04-j118

Lo vorrei a righe ma questo è fantasticamente tropicanal!

5 – Una borsina a tracolla colorata

Non sono tipa da borse piccole, eppure per le grandi (molto grandi) occasioni dove non mi devo portare la casa appresso, mi piacerebbe una piccola tracollina colorata, in modo da ravvivare anche i miei più lugubri look total black in agosto.

m9151h0fu-j113-1

6 – Dei sandali col tacco comodo

Dato che oramai mi sono rassegnata ad andare rasoterra, volevo acquistare un paio di sandalini magari color cuoio dal tacco comodo, in modo da poterci camminare senza scapezzarmi. Da quando ho avuto DB non compro praticamente più tacchi a stiletto perché le occasioni per indossarli sono sempre troppo poche!

pi911la0s-j1113

E voi? Avete già fatto acquisti coi saldi?

Posted in Bimbominkiate, Carolina Invernizio | Tagged , , , , , , , , | 8 Comments

La recensione: L’oreal Colorista Peach

hco38_10

Miei cari,

questa è settimana di recensioni! Oggi tocca infatti al tanto sbandierato L’oreal Colorista che ha fatto veramente il giro dell’internet. Per chi non lo sapesse, come si può leggere dal sito ufficiale, si tratta di colorazioni temporanee da fare naturalmente a casa, la cui gamma è tutta molto particolare, perché si va dal rosa pesca al turchese, dal lilla al verde acqua. Questa recensione è dedicata alle mie amiche Stefy e Jess che come me desideravano provare questo tipo di colorazione ma avevano ancora qualche dubbio!

In realtà, anche io inizialmente avevo diverse remore, principalmente perché, in seguito a esperienze poco felici col fai-da-te, ho sempre il terrore che queste tinte rimangano attaccate ai miei capelli come cozze e capirete che non è il massimo della vita quando fai l’addetto stampa presentarsi da papabili clienti coi capelli rosa pesca (!) Ad ogni modo, accertatami che questa tinta va sicuramente via (l’Oreal ha proposto anche uno shampoo che aiuta a scaricarla durante i vari lavaggi) ho voluto provarla. Il colore che ho selezionato è stato il rosa pesca, perché mi sembrava particolare ma non eccessivo e soprattutto, immaginavo che sui miei capelli biondi avrebbe donato un riflesso piacevole.

Piccoli accorgimenti:  data la natura delicata di questa tinta, che è un colore pastello, l’azienda sconsiglia di provarla se si hanno i capelli castani o più scuri, perché non si vedrebbe affatto. Avendo io lo shatush, quindi i capelli sul castano sopra e biondo chiaro sotto, ho deciso di effettuare le sfumature proprio nella parte più chiara della chioma, sapendo che avrei ottenuto il risultato che desideravo. Sulla confezione c’è scritto che questa tonalità dura due lavaggi ed effettivamente è vero, perché io già al primo shampoo ho notato che il pesca era diventato soltanto un riflesso piuttosto pallido.

L’applicazione: Premetto che non faccio mai la tintura in casa perché sono veramente negata con queste cose. Ad ogni modo, seguendo le indicazioni riportate dalla confezione l’applicazione del prodotto è molto semplice ed intuitiva, perché la tinta è contenuta in un comodo tubetto che basta schiaffarsi alla meglio sui capelli lavati solo con shampoo e asciugati senza altri prodotti ed il gioco è fatto, lo si può fare tranquillamente da soli. Il tempo di posa varia dai dieci minuti alla mezz’ora, anche se io alla fine della fiera lo ho tenuto su un’oretta perché mi ero distratta lavorando al computer. Ho utilizzato circa metà confezione, però appunto considerate che ho fatto metà testa. Dopo il risciacquo non si deve applicare alcuna maschera, infatti i capelli risultano veramente morbidi al tatto e anche piacevolmente profumati.

capelli

Il risultato: molto delicato ma piacevole, molto fedele a quello sulla confezione

onde

Anche qui avevo già il Colorista!

Considerazioni finali: Se avete voglia di fare un colore particolare ma che non vi impegni troppo  (leggi: non duri troppo), secondo me il Colorista è una buona alternativa, soprattutto per il prezzo (7-10 euro) e considerando che, se non ci fate tutta la testa, una confezione dura anche un paio di volte. Va comunque detto che in rete si trovano opinioni molto discordanti sul prodotto, tra chi è dovuto correre dal parrucchiere perché il colore si era ossidato o non andava più via, varie ed eventuali ma d’altro canto, tutti abbiamo capelli diversi e chiaramente quando si prova una tintura fai da te bisogna sempre tenere in considerazione che c’è un margine di rischio.

E voi? Avete mai provato questo prodotto? Vi intriga?

Posted in Carolina Invernizio, Fotografie, Me, Scoop! | Tagged , , , , , , | 6 Comments