Il momento in cui ho capito che nessun genitore è perfetto

morte-in-culla-e-vaccini-gli-interventi-dopo-il-caso-della-bimba-di-2-mesi

Sarà strano ma il momento in cui ho capito che nessun genitore è perfetto io ero ben lungi dall’essere madre, perché ero una figlia, eppure mi fu chiaro e palese il fatto che nessun genitore avrebbe mai potuto coltivare quell’ambizione.

Avevo credo 14, 15 anni, ero al ginnasio. Stavo preparando il mio vecchio trolley nero per partire per la gita scolastica e ovviamente, ero molto, molto eccitata all’idea. Non ricordo di preciso che cosa ci avessi infilato dentro, forse era una asciugamano (sono la mia fissa, io per il viso ho sempre usato solo le mie, possibilmente di microfibra) ma comunque mia madre non voleva che la portassi con me e ingiustificatamente, iniziò ad inveirmi contro. Non contenta, telefonò a mio padre – i miei sono separati da tantissimi anni – e gli intimò di farmi una cazziata per questo motivo e purtroppo lui, sempre stato molto disattento sull’impostazione del rapporto con la prole, si lanciò immediatamente in urla ed improperi al mio indirizzo.

In un primo momento rimasi chiaramente sconvolta, anche perché non avevo questo grandissimo rapporto di fiducia con mia madre, anzi ma poi, pensandoci su, mi dissi innanzi tutto che non sarei mai e poi mai diventata come lei, come loro, perché ci metto anche mio padre, pronta ad aggredire senza un valido motivo ma soprattutto, capii che lo facevano perché non erano persone e conseguenzialmente genitori perfetti e probabilmente, non riuscivano a capirmi (e forse nemmeno ci provavano… ma questa è un’altra storia).

Anche se ho una figlia anche io, al momento lei non ha ancora di questi problemi, però sono convinta che mai l’aggredirò aggratis, senza farle spiegare le sue motivazioni, un po’ perché a me piace ascoltare, un po’ perché spero di allevare un essere umano degno e capace di argomentare determinate scelte. Certo, sono anche convinta di non essere perfetta e in realtà nemmeno ambisco alla perfezione, che non è di questo mondo. Quello che vorrei fare è cercare di imparare dagli errori fatti con me e anche quelli miei fatti in passato, sebbene sappia che questo non mi metterà in salvo dallo sbagliare comunque. Ma non dirò mai di non averci almeno provato.

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Bimbominkiate, Carolina Invernizio, Me and tagged , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s