Le recensioni: Babyliss EasyWaves

onde

Miei cari,

oggi piccola recensione dedicata alla mia amica-fatina Claudia del Babyliss C260E Easy Waves, che non so se chiamare “piastra” o “ferro” essenzialmente perché è un triferro, ovvero uno di quei tool per creare le onde che vanno tanto di moda da un paio di anni a questa parte.

Da quando li vidi in giro, ne ho sempre desiderato uno, solo che o costavano troppo o troppo poco, ovvero in commercio li vedevo solo dai cinesazzi e avevo paura che mi facessero cadere inesorabilmente i capelli al suolo, oppure a prezzi troppo alti, quindi ho sempre temporeggiato finché santo Amazon da Seattle non lo ha proposto ad un prezzo più che abbordabile e allora ho deciso di farlo mio. Quello che ho scelto è del marchio BaByliss (qui), che francamente non avevo mai provato, pur conoscendolo da tempo, quindi ho voluto sperimentarlo, sempre sperando che tutto andasse bene, perché non si sa mai. Con prime, l’ordine è arrivato in un baleno e così io ho raccattato il primo momento libero per provarlo.

Dalla pagina ufficiale su Amazon leggiamo che:

Comodo, pratico ed efficace, è dotato di un rivestimento in Ceramic Titanium per garantire sempre la massima protezione della chioma e 3 livelli di temperatura (da 160 a 200 °C) per adattarsi a tutti i tipi di capelli dai più sottili e fragili ai più difficili.

Sulla pagina potete trovare anche le dimensioni, oltre a diverse foto realizzate da chi ha già acquistato il prodotto, quindi consiglio di darci un’occhiata per capire meglio di che cosa stiamo parlando. L’attrezzo ha la grandezza di una piastra per capelli lisci (un po’ più grande di quelle con cui ad esempio si possono realizzare anche i boccoli), è effettivamente molto leggero e maneggevole. Ha il cavo girevole, che in questi casi è sempre comodissimo ed anche un piccolo tappetino termoresistente su cui poggiarlo durante l’utilizzo in modo da non rovinare le superfici sul quale lo ponete.

Come usarlo:

Dopo aver spruzzato un po’ di termoprotettore, dividete i capelli in ciocche medio-grandi, in base all’ondulazione che volete ottenere e chiudetele nel triferro per un 5-10 secondi a seconda della duttilità del vostro capello, quindi procedete per tutta la ciocca, che infine va fissata con un velo di lacca. Ad operazione finita, basta aprire un po’ le ciocche con le dita e l’acconciatura è fatta.

Vi consiglio di mettere un bel po’ di termoprotettore perché effettivamente tende un po’ a seccare i capelli, specie se come me li avete decolorati. Personalmente ci ho messo circa 20 minuti per realizzare tutta la chioma, però va detto che non ho moltissimi capelli ma onestamente, non ho trovato il tutto molto più laborioso rispetto al passare la piastra, sicuramente ci va un po’ di tempo in più, però nulla di troppo drammatico. Ho fatto i capelli da sola e non ho avuto alcuna difficoltà anche se era la prima volta che utilizzavo un triferro, segno che è veramente un easy waves, perché se ci riesco io che ho la manualità di un bancomat, ci riescono tutti. Altra nota MOLTO positiva è che la piega dura davvero tanto e a me ultimamente, complice il caldo e le schiariture un po’ più forti, oltre al fatto che non taglio i capelli da un bel po’, non durava veramente niente.

In conclusione, il triferro è per me più che promosso. La pettinatura che potete realizzare è molto carina, oltre che indicatissima per l’estate, specie ora che spopolano queste beach waves, quindi se cercate una cosa del genere, anche per fare un regalino a sorelline-cuginette-amiche, vi consiglio di dare un’occhiata a questo BabyLiss, non ve ne pentirete!

E voi? Vi piace questa piega? Avete mai provato un triferro?

 

Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Fotografie, Me, Scoop! and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.

6 Responses to Le recensioni: Babyliss EasyWaves

  1. grazie grazie grazie! La fatina è mooooolto contenta di questa recensione!

  2. Pier(ef)fect says:

    Come sai a me piace molto il risultato. Prendendoci la mano si può creare più di un effetto, dal definito allo spettinato e se hai un party in maschera anni ’30 puoi farci le onde dei tagli dell’epoca 😀

  3. francimakeup says:

    Davvero carino l’ effetto

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s