La mia gravidanza

Nuovo giorno, nuovo tag!
Come sapete, non ho parlato granché della mia gravidanza visto che di solito qui sul blog parlo di ben altre tematiche e magari ai miei lettori poteva interessare poco la mia panzaggine. Ad ogni modo, la dolce Mammu mi ha nominata per un tag sulla gravidanza appunto che mi è subito piaciuto e dunque eccoci qui!

tag-la-mia-gravidanza-1-jpg

1 – Quando hai scoperto di essere incinta?

Mi sentivo abbastanza bene, poi iniziò a venirmi un ciclo un po’ strano e avevo dei fortissimi dolori gastroenterici. Feci così delle analisi per approfondire, poiché pensavo di avere chissà quale cancro astruso… e invece…

2 – Come lo hai scoperto?

Vi salto ciò che c’è stato prima, ad ogni modo facendo le famose BHCG.

3 – Come lo hai detto al papà del tuo bebé?

Lo invitai a prendere un aperitivo e gli dissi SONO INCINTA. Lui credette in uno scherzo inizialmente, poi si commosse. Papone dolce.

4 – Come lo avete detto agli altri?

OMMIODDIO SONO INCINTA. Praticamente così, ero molto, molto, molto presa alla sprovvista.

5 – Ci sono stati sintomi prima della scoperta?

Sinceramente no, nel senso che io non credo che i dolori allo stomaco fossero dettati dalla gravidanza o meglio, non ne ho la certezza anche perché soffro di gastrite da oltre 10 anni ahimé.

6. Quali sono stati i sintomi dopo la scoperta?

Nessuno in particolare, in realtà avevo sempre sonno… ma io HO sempre sonno…

7. Hai fatto esami particolari in gravidanza?

Di tutto di più. Mensilmente facevo almeno analisi del sangue e poi test di Coombs indiretto, essendo il mio gruppo sanguigno 0 rh- (il test si fa per rilevare nel sangue della madre gli anticorpi che possano passare la placenta e attaccare i globuli rossi del bambino, causando anemia emolitica del neonato). Poi ho fatto DUE TAMPONI in zona cesarini e altri due non vi dico dove, poi il test per l’AIDS (!!! non sapevo fosse consigliato nelle nuove linee guida per la gravidanza), la curva glicemica per il diabete gravidico, l’elettrocardiogramma, urine e urinocultura a iosa… l’esame per capire se avevo la talassemia anche se era ovvio che non l’avessi…di tutto insomma.

8. Qual’è stata la prima cosa che hai comprato per il tuo bebè?

Un body di H&M con su scritto “I love cats”.

9. Quale è stata la prima cosa che invece hai ricevuto in dono per il tuo bebè?

Dal suo papone un porcellino-cuscino, un pupazzetto di Baymax e un libro a fumetti intitolato “El nino rock”, perché all’epoca non sapevamo il suo sesso e pensavamo fosse un masculillo.

10. Sei entrata in travaglio?

Ahimé no. Ho partorito circa 3 settimane prima la data prevista. In realtà non so se poi avrei retto il parto naturale, essendo io coraggiosissima

11. A quante settimane hai partorito?

37 settimane secche secche (la gravidanza umana è comunque considerata conclusa a partire dalla 37esima settimana, mi dicono).

12. Come è stato il tuo parto?

Una meraviglia. Siccome era un cesareo programmato, mi ricoverai la sera prima e la mattina mi alzai di buona lena per lavarmi e mettermi un po’ di crema idratante rigorosamente egobio in viso. Dopo un saluto a parenti e amici, volai verso la sala operatoria dove l’anziano e simpatico anestesista dagli occhi azzurri mi disse che mi preferiva fare un’anestesia totale piuttosto che una peridurale in quanto non sapevamo cosa sarebbe successo in fase d’opera. Dopo un secondo di panico perché mi mancava l’aria, mi addormentai felicemente come in un episodio di Nip/Tuck.

13. C’era anche il papà durante il parto?

No ma c’era un’equipe formata da centordici persone tra cui degli infermieri simpaticissimi (ciao Angelo e Giusy!) che mi tennero compagnia.

14. Faresti in modo che cambiasse qualcosa se avessi un’altra gravidanza?

Onestamente non lo so, mi sarebbe piaciuto devo dire avere un parto naturale ma comunque se ne sentono di tutti i colori, tra chi ha patito pene dell’inferno e chi invece ha fatto tutto al volo, perciò forse mi tengo il mio cesareo (che comunque ho fatto perché avevo una patologia, la placenta previa con la quale ahimé si procede quasi sempre col taglio cesareo).

15. Qual’ è il nome che hai dato al tuo bebè e perché?

Diana Beatrice, Diana perché piaceva al suo papone e Beatrice perché piace a me, è un nome elegante, dantesco e non molto sentito, poi immaginavo la mia piccola dolce ed eterea come una Beatrice… invece è una specie di terremotino, ovviamente!

31 tagga tutti, chi vuole risponda al tag!

Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Carolina Invernizio, Me and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

5 Responses to La mia gravidanza

  1. Mammu says:

    Durante le gravidanze in Italia ho letto che in Italia fanno troppi esami alle donne incinte, molte che si potrebbe evitare. Ma ora che sono qui in Bulgaria mi sembra sono assurdi uguale, mi hanno fatto gli analisi di sangue anche per sifilide e l’epatite che sono tutte malattie che si capisce se una ce li ha! Se mai dovessi fare il cesareo preferirei un anestesia totale, la vista del troppo sangue o storie di ferite brutte mi fanno stare male figurati essere lì con i dottori che ti scavano nella pancia! Che orrore ahahhaa

    • La Rockeuse says:

      Anche io non volevo l’anestesia peridurale perché avevo paura di sentire cose strane :p anche io ho fatto vari tamponi per malattie tipo sifilide e le analisi per l’epatite… in Italia veramente esagerano e il problema è che solo i primi sono gratuiti, per il resto devi pagare tutto 😦

  2. M.Elly says:

    ti prego, leggi e commenta con me la pagina facebook “i consigli delle mamme”. Sono indecisa tra una sterilizzazione di massa e l’annullamento del suffragio universale.

    Comunque, anche io ne ho sentite e viste di ogni, tipo mia zia che urla come una disperata mentre le tagliano la cicca viva dove non batte il sole, oppure mia mamma che tipo si automunge nell’acquaio di cucina perchè mio fratello non mangiava e non sapeva di che farsene del latte.
    Poi al figlio di un’amica hanno ROTTO LA SPALLA per farlo uscire. Cioè, bestie tipo.

    No no, ascia fare che con il parto cesareo, avete vinto 🙂

    • La Rockeuse says:

      Si di storie assurde se ne sentono moltissime e ahimé è quasi tutto veritiero. Considera che la rottura della spalla è diffusissima, me lo diceva anche una mia amica ortopedica o_o

  3. marymakeup says:

    stavolta non posso rispondere 🙂

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s