Beauty Cues: Progetto smaltimento campioncini

20160411_190745_resized

Miei cari,

oggi torna la premiata rubrica “Beauty Cues”, sempre in compagnia dell’ottimo Pier (Santo subito)! In questo appuntamento vi parleremo dei tanto amati/odiati campioni gratuiti che abbiamo utilizzato nell’ultimo periodo e delle opinioni che ci siamo fatti su di essi. Personalmente adoro ricevere campioni gratuiti ma allo stesso tempo, a volte mi fanno paura perché ho il timore mi facciano allergia/uscire brufolazzi, visto che di solito rischio testando anche nuovi prodotti quando sono in viaggio. Certo, potrei non farlo ma io amo vivere pericolosamente (!!!) mettendo alla prova la mia pelle… in realtà, cerco comunque sempre di non rischiare troppo, almeno quando sono fuori casa, lontano dalle mie creme e pillole antistaminiche.

Ma bando alle ciance, iniziamo!

L’Erbolario – Crema Viso antirughe con carota e ginsengho trovato questo campioncino in uno dei prodotti L’Erbolario che mi erano stati regalati per DB e ho voluto provarla poiché la dicitura, come vedete dal sito, sostiene che sia molto adatta alle pelli stanche. La crema ha una consistenza abbastanza ricca ma si assorbe bene e non  mi ha dato molti problemi neppure sulla mia pelle mista-grassoccia, anche il profumo era buono. Quanto alla stanchezza… non ho visto grossi miglioramenti o rughe attenuate, anzi, la situazione era drammaticamente la stessa, dunque per 18 euri circa, non comprerei mai la confezione intera. Non so dirvi dell’inci, che sicuramente non è un grandissimo che.

Leocrema – Cell Active, gel intensivo anticellulite: Trovai questo campioncino in un giornale quest’estate, infatti era piuttosto grande e ho potuto utilizzarle un bel po’ di tempo. Premetto che io sto in una situazione veramente drammatica, quindi secondo me dovrei proprio fare una passeggiata a Lourdes e non so se esista realmente una crema in grado di farmi qualcosa, dunque è possibile che per celluliti meno coriacee, questo prodotto possa andar bene. La consistenza gel la rende fresca e facile all’assorbimento, anche piacevole da applicare però su di me non ha sortito veramente alcun effetto, quindi non penso la ricomprerei, anche se l’inci non è malissimo (lo vedete nel sito che vi ho linkato) e anche il prezzo non  è eccessivo, attorno ai 7/8 euro.

Vichy – Teint Ideal/ Fondotinta illuminante fluido: Qualche tempo fa comprai questo fondotinta per regalarlo a mia sorella e la gentile farmacista dove feci l’acquisto mi regalò un paio di campioncini per provarlo (provai la tonalità clair, che poi è quella che ho regalato a mia sorella). Si tratta di un fondo leggero, per le pelli miste e normali, di coprenza media che dona un incarnato luminoso e ha anche il fattore di protezione 20. L’inci non è il massimo, abbastanza siliconoso oserei dire, anche se è senza parabeni e non comedogeno. Devi dire che si applica molto facilmente sia col pennello che con la spugnetta e l’effetto è molto bello, luminoso ma non unto, è molto confortevole sulla pelle, copre abbastanza rossori e schifezzuole varie donando un incarnato piacevole. Io lo pagai sui 13 euro in offerta anche se non comprerei per me visto che preferisco usare prodotti meno siliconici, va detto che però, se non siete patiti dell’inci, avete la pelle normale/mista e cercate un fondo leggero, magari anche adatto alla primavera, questo potrebbe essere quello che fa al caso vostro.

Avene Couvrance – Crema compatta colorata – Consistenza comfort: Tranne l’acqua termale, non avevo mai provato nulla di Avene, così quando mi diedero questo simpatico campioncino di crema colorata fui subito contenta. Ora, leggendo “crema colorata”, pensai che fosse appunto una sorta di BB cream, invece è un pastoso fondotinta molto, molto coprente, che mi faceva sentire se mi fossi spalmata con la cazzuola un velo di cemento in viso. Forse il problema era anche la tonalità troppo scura rispetto alla mia ma onestamente, ho trovato facesse un po’ l’effetto mascherone che non ho mai amato in un fondotinta/BB cream/quel che è, credo sia assai poco confortevole. L’inci è la fiera del sintetico, anche se non riesco a trovarlo online, il prezzo è invece di circa 22 euro.

Chanel – CC Cream: Non vedevo l’ora di provare la tanto amata CC cream di Chanel, benché sapevo già in partenza che il suo inci mi avrebbe deluso perché di certo Chanel non fa trucchi egobio. Ho provato la tonalità 32 “Beige Rosè”, un tantino scura per la mia pelle da Casper, però ammetto che la forte componente siliconica di questa crema faceva sì che scivolasse una meraviglia e che rendesse il mio incarnato bello come quello della divina Gisele (ok, non esageriamo). Come dicevo prima, se non siete fanatici degli inci e se la vostra pelle regge con successo il silicone senza imbrufalirsi, è un ottimo prodotto, peccato giusto per il prezzuccio che si aggira attorno ai 60 euro (sigh) che non la rende proprio economica. Di contro, ne basta poca per ottenere una  buona coprenza, simile a quella di un fondo leggero, sia che usiate le mani che il pennello, però resta un prodotto non economico.

PuroBio- Fondotinta Sublime: Avevo molta voglia di provare il famoso fondotinta Sublime di Purobio, così fui felicissima quando Pier me ne fece recapitare un campioncino nel suo regalo di Natale (<3). Sul web ci sono molte opinioni discordanti su questo prodotto, tra chi lo trova ottimo e chi pessimo e io, dopo averlo testato, sono della partita di chi lo trova molto buono. Va detto che è un prodotto a mio avviso adatto più a chi ha la pelle mista/grassa, data l’alta coprenza e la consistenza un po’ pastosa, inoltre va applicato a piccole dosi e ben sfumato, insomma ci vuole un po’ la mano. Detto questo, è proprio un bel fondo: copre bene le imperfezioni pur senza fare l’effetto mascherone, infatti rimane molto confortevole sulla pelle. Dona un bell’effetto matte, quindi potreste anche non aver bisogno di cipria per fissarlo (io ne metto sempre un velo per sicurezza) e maschera abbastanza bene anche le occhiaie, il tutto senza contenere gli odiati siliconi o porcherie varie, poiché è un prodotto bio. Anche il prezzo è molto competitivo (13 euro circa) e sicuramente è un prodotto che comprerò in futuro perché mi è piaciuto parecchio.

Yves Rocher – Gel Detergente Purificante: Non avendo un Yves Rocher a disposizione, ho potuto provare pochi prodotti ed è un peccato, perché mi piacerebbe sperimentarlo di più. Tra questi, c’è stato un campioncino di questo gel detergente per pelli impure che mi è piaciuto molto perché dava la sensazione di pulizia profonda e donava un certo senso di freschezza, eliminava il sebo in eccesso senza “sgrassare” troppo. Ha un prezzo di circa 8 euro mentre qui potete trovare l’inci, che non è dei migliori, che poi è ciò che mi frena di più per eventuali acquisti, perché per detergere il viso prediligo sempre prodotti “verdi”, come oramai si sarà capito (!).

Bonus Track: DB edition

Alkemilla – Pasta di Mamma: Mi hanno regalato questo campioncino per la pulcinotta DB e siccome per lei preferisco usare prodotti Bio, sono stata ben felice di provarla. E’ una pasta a base di ossido di zinco, perfetta per curare dermatiti da pannolino… ma anche problemi cutanei negli adulti, come ad esempio le odiate bolline di sudore che possono venire in estate con la troppa calura. Sul culino di DB ha avuto un’ottima riuscita, cancellando un piccolo arrossamento che le era venuto e credo proprio che comprerò la fullsize appena passo in bioprofumeria (sul sito costa 9,90 euro, in negozio credo qualcosa in più ma pazienza)!

Avete provato qualcuno di questi prodotti? Qualcosa vi incuriosisce? Fatemi sapere, senza dimenticarvi di andare a farvi i fatti di zio Pier!

 

Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Carolina Invernizio, Fotografie, Me and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

4 Responses to Beauty Cues: Progetto smaltimento campioncini

  1. Pier(ef)fect says:

    La pasta di Alkemilla ce l’ho in campione pure io XD La vorrei provare sui brufoletti! di Yves Rocher voglio approfondire la linea bio, seppur non super economica!
    Bacio!

    • La Rockeuse says:

      La pasta non è male, secondo me ti torna utile in estate! Invece su Yves proverei pure io, solo che è un casino reperire la ragazza che conosco che fa la rappresentante e il negozio è in un centro commerciale dove non vado mai :/

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s