Cucina con Rory – Speciale Halloween: I Soul Cakes

20141028_211924_resized

20141028_211858_resized

Siete pronti per Hallowe’en?

Qui a casa ho già iniziato a tirare fuori zucche e occhi di cioccolato ed è nata anche una sfida coi miei vicini di casa (di cui poi vi parlerò… devo sbaragliarli)! Ed ho cominciato a fare anche uno dei dolcetti tradizionali di questa festa, ovvero i Soul Cakes. Questi “dolcetti dell’anima” sono una sorta di morbide tortine ripiene di frutta (secca o fresca), da mangiare col the o a colazione e che, secondo la tradizione, si davano ai bambini:

Durante il Medioevo, una pratica popolare per Ognissanti era la preparazione della “soul cake” (torta dell’anima): si trattava di un semplice dolce fatto di pane con una decorazione di uva sultanina o ribes.Nella tradizione chiamata “souling”, i bamibini andavano di porta in porta chiedendo un pezzo di torta, proprio come nel trick-or-treat moderno. Per ogni fetta di torta ottenuta, ciascun bambino doveva dire una preghiera per l’anima di un parente defunto, o per un parente di chi aveva dato loro la torta in questione. Le preghiere dei bambini dovevano servire alle anime dei defunti per trovare l’uscita dal purgatorio e arrivare così al paradiso. I bambini cantavano anche la canzone della “soul cake”, così come oggi ci sono filastrocche del tipo ‘Trick-or-treat, trick-or-treat, give me something good to eat.’ (Dolcetto o Scherzetto, dammi qualcosa di buono da mangiare.)

Ma veniamo a noi! Ecco gli ingredienti di questa ricettina facile e deliziosa:

Ingredienti:

200 gr di farina

150 gr di zucchero

2 uova

2 cucchiaini di lievito per dolci

1 pizzico di sale

80 ml olio evo

70 ml acqua

1 cucchiaio di liquore strega

100 gr di frutta candita o 150 di frutta fresca (pere o mele, io ho usato albicocche secche e cedro)

Preparazione

1. Mettete subito un bel pezzo halloweeniano. Sbattete bene le uova con lo zucchero (al limite, aiutatevi con uno sbattitore come ha fatto la sottoscritta!). In una ciotola ampia, mettete la farina e aggiungetevi il composto di uova e zucchero, mescolando per bene.

2. Aggiungete poi l’acqua a filo, il pizzico di sale e infine l’olio. Mescolate sempre bene e aggiungete il lievito e solo quando i vostri stampini per cupcakes saranno pronti (imburrati o coi pirottini), aggiungete la frutta, che avrete tagliato a dadini. Mescolate rapidamente e mettete due-tre cucchiai generosi di impasto in ogni stampino.

3. Infilate il tutto in forno preriscaldato a 180° per circa 15 minuti o comunque finché saranno dorati in superficie. Cospargete a piacere con zucchero a velo e il gioco è fatto!

Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Fotografie, Me, Rock'n'roll and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

8 Responses to Cucina con Rory – Speciale Halloween: I Soul Cakes

  1. Gelsomina says:

    Io sono golosa ed adoro i dolci, sicuramente proverò a farli!Riguardo poi alla festa di Halloween… la chiesa osteggia questa festa perchè offusca la festa di Ognissanti e la commemorazione dei defunti, festività prettamente cattoliche. Ma in realtà non è così; Halloween è una ricorrenza che esisteva prima del diffondersi del cattolicesimo nelle terre celtiche e anglosassoni, per cui è il cattolicesimo che si è sovrapposto ad un ricorrenza che esisteva già, come ha fatto per le altre ricorrenze cattoliche che si festeggiano, Natale compreso, in sovrapposizione a ricorrenze pagane in uso durante l’impero romano. Per cui…. buon Halloween.

    • La Rockeuse says:

      Assolutamente cara, sono d’accordo con te 😉 Che poi, se vogliamo, Halloween non offusca Ognissanti, è un qualcosa di diverso, senza contare che si celebra prima, quindi non vedo la ragion d’essere di questa polemica. Inoltre, come diceva Pier, riti simili esistono anche in Italia, soprattutto da noi al Sud… dunque, figuriamoci!

  2. Pier(ef)fect says:

    Buonissimi tesoro! Non sapevo tutta la storia a riguardo, però proprio ieri ho sentito che sono state rinvenute delle tracce di Halloween persino in Sardegna e in Toscana!

  3. Michele says:

    delizia, come vorrei assaggiarle 🙂

  4. la Cri says:

    Sicuramente una ricetta da provare! 😛

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s