Beauty Cues: La routine del crine (di cavallo)

20140918_124844_resized

Chiamarla “Hair care routine” sarebbe stato troppo vip per me!

Miei cari, nuovo appuntamento della magica rubrica in collaborazione con l’ottimo Pier! Oggi si parla di capelli ed in particolare, dei prodotti che utilizzo per tenerli a bada e far sì che abbiano un aspetto decente.

Piccola premessa: ho i capelli con cute grassa e punte secche, crespi, non molto sottili, mossi e decisamente pietosi, quindi acconciarli è molto difficile. Li lavo due volte alla settimana ed uso sempre una maschera perché essendo tinti e stirati&ammirati da quando avevo 16 anni, hanno sempre bisogno di un aiuto in più. Altro trick: utilizzo gli shampii sempre diluiti da quando mi fu consigliato da una dermatologa ed è un ottimo suggerimento, provare per credere! Seppure stia cercando di convertirmi a prodotti con un inci accettabile, utilizzo comunque alcune cose che faranno storcere il naso alle bio-nazi ma pazienza. Tra l’altro, spesso cambio prodotti, perché mi piace provare novità e cambiare anche in base alle stagioni… anche perché altrimenti, come facciamo girare l’economia?

Ma ciancio alle bande! Iniziamo!

– Shampoo Ultra Dolce Garnier alla Camomilla&Miele: Uno dei classici shampii Garnier, che oramai tutti conosciamo. Questo è alla camomilla e miele, dovrebbe districare e ammorbidire il capello oltre a donare un lieve effetto schiarente. Mi ci trovo abbastanza bene, ammorbidisce abbastanza i miei capellazzi e sicuramente non li ingrassa, il che è un bene. Ha anche un buon odore e non produce eccessiva schiuma. Francamente noto l’effetto schiarente più in estate, quando asciugo i capelli al sole, altrimenti da giusto una leggera luminosità se utilizzato almeno per un mese (considerate comunque che i miei capelli di base sono castani, magari chi è più chiara ha un effetto migliore). Qui trovate l’inci. Il costo si aggira sui 2 euro.

– Balsamo Splend’Or al Cocco: Questo povero balsamuccio era considerato una cosa poraccia che si comprava da quello dei detersivi a 90 centesimi, poi si è scoperto che non è male e quindi alcuni hanno iniziato a venderlo anche alla scandalosa cifra di 1,70 euro! So che su di lui ci sono tante polemiche, che l’INCI contiene alcune stranezze (potete vederlo qui) ma comunque mi ci trovo abbastanza bene, la profumazione è buona, si risciacqua facilmente, districa abbastanza bene i miei malefici capelli anche se non elimina granché il crespo ed è uno di quei prodotti che si possono provare, anche visto il prezzo assai vantaggioso (poracceriiiia)!

La maschera con la mia pseudo tangle teezer!

La maschera con la mia pseudo tangle teezer!

– Maschera Elvive all’Arginina: Questo è uno dei prodotti che utilizzo ora che è quasi autunno ed i capelli tendono a cadere. Poiché contiene arginina, dovrebbe nutrire, rinforzare e ristrutturare il capello. Non ho trovato l’INCI ma non è esattamente il massimo, mentre il costo è sui 5 euro. Non è la prima volta che provo questo prodotto (ho usato anche shampoo e balsamo della stessa gamma) e non è malvagio, non si può dire che faccia miracoli ma i miei capelli sono più resistenti, più lucidi e insomma, quando lo uso hanno un aspetto più sano, quindi val la pena provare.

– Uniq One all in one hair treatment: è un prodotto jolly perché va bene per tutto. Lo metto dopo aver tamponato i capelli dopo lo shampoo ma anche prima di procedere col brushing/piastra per proteggere i capelli ed è veramente ottimo (lo avevo recensito qui). Ovviamente l’Inci lascia molto a desiderare, basti pensare che contiene filtri solari ma comunque se usato con parsimonia troppo male non fa. In effetti ne basta davvero poco (giusto una noce e io ho i capelli abbastanza lunghi) e se come me si hanno i capelli grassi, non bisogna eccedere poiché li ungerebbe troppo.

E questo è tutto, almeno per il momento! Magari poi vi parlerò di prodotti urto che utilizzo in caso di necessità, della tintura che faccio o del giorno in cui mi raperò a zero per disperazione!

E voi? Avete mai usato questi prodotti? Avete roba da consigliarmi?

Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Legge di Murphy, Me, Non vi drogate bambini and tagged , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

19 Responses to Beauty Cues: La routine del crine (di cavallo)

  1. Pier(ef)fect says:

    Quella spazzola è assolutamente da provare! Io poi non posso fare a meno di pettinare i capelli da bagnati e questo li stressa un po’!

  2. M.Elly says:

    Capelli secchi, mossi e fini. Una tragedia.
    Ho seguito i tuoi consigli e sto cercando di fare tutto al naturale, utilizzo i prodotti delle linee NatQ e BioQ, l’unico problema è che mi annodano i capelli da morire. Davvero, ieri avevo una palla unica impossibile da districare ed ero tentata di uscire dagli spogliatoi della piscina direttamente “a capo molle”, con i capelli bagnati a forma di nido. Tanto poi si asciugano.
    oggi ho comprato il balsamo spled’or al cocco e i semi di lino, stasera comincio con i semini e domani, post piscina, balsamo…. vediamo che succede…

    • La Rockeuse says:

      Hai provato con qualche goccina di olio di argan per districare? oppure questo prodotto che uso io, non è naturale ma comunque non è male per nulla, poi si tratta di poche goccine! Al limite pettini piano i capelli con un pettine in legno o questa pseudo tangle teezer fatta ad hoc per i capelli bagnati!

      • M.Elly says:

        no, è che l’altro giorno ho proprio fatto una cazzata,,,, mi sono tolta la cuffia e mi sono messa a testa in giù, con i capelli già annodati. E mettere oli o balsami così è un macello, anche perchè rischio di prendere la cute e quindi di “grassare” il capello…sono così fini che prendono tutte le schifezze che ci sono. Ho comprato i semi di lino naturali al 100%, ho adesso l’impacco sui capelli.
        Comunque, anche il trattamento alla cheratina sa il fatto suo, a novembre me lo faccio di nuovo, è stupendo

      • La Rockeuse says:

        Prova ad applicarne solo qualche goccia alle punte, di modo da non appesantirli troppo (io ho i capelli grassi, so cosa vuol dire!) e ti consiglio ancora l’olio di Argan! i trattamenti alla cheratina sono molto risolutivi anche se poi devi comunque sempre star molto attenta a shampoo, balsamo e maschere!

      • M.Elly says:

        si, si oli solo sulle punte!! sennò ciao, soprattutto quando son fini come i miei. Purtroppo vado in piscina almeno tre volte a settimana e il sabato mi faccio sempre uno shampoo quindi è inevitabile che mi lavi i capelli almeno 4 volte a settimana :/

      • La Rockeuse says:

        Eh ma questo è normale, l’importante è curare i capelli sempre con prodotti delicati, specie se appunto si fanno shampii frequenti 🙂

  3. Illuminami sulla questione “diluire lo shampoo” che lo leggo spesso ma poi in concreto non so come si faccia!

    • La Rockeuse says:

      Io faccio così (alla poraccia!): verso un po’ di shampoo nel palmo della mano, con delicatezza ci dirigo dentro il getto della doccia oppure quello del rubinetto per miscelarlo ad un po’ d’acqua (facendo attenzione a non far cadere tutto) e poi via, lo metto sulla mia malefica capoccia! Te lo consiglio: è facile, veloce, delicato e poi diventa anche economico perché lo shampoo dura di più!

  4. Ciao, premetto che anche io ho la cute grassa e le punte secche e i capelli trattati con colpi di sole e riflessi vari, siccome hai detto che ti piace provare nuovi prodotti e cambiare ti racconto la mia routine.
    Uso lo shampoo Mavigen Sebo, comprato in parafarmacia, aiuta a regolarizzare il sebo, non è un “antigrasso”, quelli sono aggressivi e fanno peggio, dopo procedo a fare la seconda passata col mio abituale shampoo.
    Lo shampoo, mi consigliò un bravo parrucchiere, deve essere appunto uno che bilanci e non secchi o appesantisca i capelli, quindi uso il Lumino Contrast della L’oreal professional e in periodi come l’autunno o comunque quando i mie capelli hanno bisogno di nutrimento lo sostituisco con Absolut Repair cellular Lactic Acid, sempre L’Oreal professional, fa rinascere i capelli.
    Ultimo step la maschera, solo sulle punte, uso quelle abbinate allo shampoo, però, come mi ha detto la mia parrucchiera la faccio ad uno shampoo si e uno shampoo no e non dopo ogni shampoo e ha detto che non devo usare il balsamo mai.
    Prima di asciugarli ci passo un po’ di siero gloss, sempre di L’Oreal della linea lumino contrast.
    Un consiglio che mi hanno dato più parrucchieri e anche qualche rivenditore di prodotti professionali, sempre per i capelli come i nostri, l’ideale sarebbe usare una di quelle maschere senza risciacquo, perchè sono più leggere e perchè rimanendo sul capello proteggono meglio le punte secche e fragili, io però ancora non ne ho provate.
    Scusa l’intusione e le troppe chiacchiere. a presto

    • La Rockeuse says:

      Ma figurati, anzi è un piacere! Sai che ho provato lo shampoo Absolute Repair ma mi ingrassa troppo i capelli, anche se credo che dovrei dargli un’altra chance perché magari non l’avevo diluito bene!
      Non sapevo questa cosa delle maschere senza risciacquo ma proverò sicuramente, anche perché ero abbastanza attratta da questa tipologia di prodotti, che non ho ancora mai provato neppure io! Strana la cosa del balsamo,so che a molte persone appesantisce i capelli e forse è per questo che te lo sconsigliano, io lo metto soprattutto sulle lunghezze e mi ci trovo abbastanza bene, perché riesce a nutrirli senza ingrassarli! Devo poi assolutamente prendermi qualcosa per la protezione dei capelli dato che ho finito il mio Uniq One!

      A presto 🙂

  5. tizy1289 says:

    Mi spieghi un po’ come fai a diluire lo shampoo? Non ci ho mai provato e vorrei cercare di finire in qualche modo uno shampoo di lavera che detesto con tutto il mio cuoricino! ❤

    Ho trovato la pace dei sensi per il problema capelli grassi con uno shampoo marchio Coop (non quello bio, quello della linea classica) al pompelmo e ibisco: lo uso una volta a settimana soltanto, perché sennò è troppo potente, e mi ha rigenerato i capelli!
    Per il resto mi piace variare: di recente ho scoperto la maschera per capelli all'olio di macadamia della Omnia e mi piace tantissimo! Mi lascia i capelli super morbidi, e non è per nulla aggressiva o oleosa, tant'è che la uso come balsamo.,..

    • La Rockeuse says:

      Uff qui a Napoli non trovo mai la Omnia 😦 comunque io diluisco così (modo poraccio e veloce XD): verso un po’ di shampoo nel palmo della mano, poi metto la mano sotto al getto della doccia per prendere un po’ d’acqua, stando molto attenta a non esagerare e quindi via, tutto in testa! massaggio bene bene, faccio fare schiuma e risciacquo! Facile e veloce! Mi ci trovo molto bene!

  6. Ormai il balsamo della splend’or è diventato un must!!!! 😀 ricordo anche io che lo vendevano nei negozietti a poco ehehhe ade ci avranno sicuramente fatto la cresta!!!

  7. Pingback: Beauty Cues: Update della routine del crine (di cavallo) | La Rockeuse

  8. Pingback: Beauty Cues: Hair Care routine estiva | La Rockeuse

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s