Back in town

Che poi pare che non faccio una mazz… ehm, che mi gingillo e balocco ma in realtà spesso sono impegnata! Mi stupisco!

Miei amati,

sono tornata! In realtà sono tornata da giorni ma tra un fatto e l’altro non ho avuto veramente tempo di aggiornare il blog!

A Londra è andata benissimo, amo quella città e mi ci trasferirei domani se solo trovassi un lavoretto decente e attinente alla mia professione (dunque la dj oppure il pappagallino nella scatola). Oltre a qualche regalino (soprattutto dischi) ho deciso di non comprare molto altro, un po’ perché qui a Napoli ci sono già i saldi, un po’ perché avendo solo il bagaglio a mano non volevo impazzire col rischio che me lo facessero stivare. Ho preso comunque un eyeliner di Eyeko abbastanza interessante, vi farò sapere. Ho dovuto dunque a malincuore dire addio a un paio di Pretty Ballerinas e di French Sole di cui però, ammettiamolo, non è che avessi tutto ‘sto bisogno. Ma come sono morigerata.

Spero presto di potervi comunicare una bella novità lavorativa che mi vedrà coinvolta nei mesi a venire. Si tratta di un’esperienza che non credevo avrei potuto fare così presto e se tutto va in porto, potrebbe essere una cosa veramente molto bella per me! E a proposito di lavoro, su Young ho una nuova rubrica dedicata al trash che si chiama Questo triste mondo malato, date un’occhiata se vi va e segnalatemi qualche trashata!

Breve flash sui saldi: Qui sono iniziati il 2 e subito con Chiara abbiamo fatto un giretto poichè ci serviva l’abito per un party. EBBENE: Bershka ha ridimensionato le taglie, oltre ad essersi orientata su un target di bimbominkie un poco zoccole. Ho sempre indossato la S di questo brand e ho provato un abito che GUARDA CASO mi andava stretto in zona tette e voi sapete bene che io non ho tette, il che è un controsenso. Sto preparando un articolo di protesta, anzi dite la vostra se volete. Comunque da H&M ho preso un top a 5 euri e delle scarpine tipo brogues a 7 euri, mentre da Tally Weijl quest’abitino per soli 10 euri che è davvero carino (tra l’altro, traumatizzata da Bershka, l’ho preso una taglia in più, dunque mi va anche un filo larghetto ma tant’è).

E voi? Aggiornatemi!

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Bimbominkiate, Carolina Invernizio, Fotografie, Lavoro, Legge di Murphy, Me, Non vi drogate bambini, Orrore a 33 giri and tagged , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

12 Responses to Back in town

  1. Pier(ef)fect says:

    Ci sei mancata (almeno qui sul blog, perché io per fortuna ti sento sempre :P) :*

  2. M says:

    Sounds good! Che dischi hai preso?

    • La Rockeuse says:

      l’EP di Martin Gore e poi una riedizione di Diamond Dogs di Bowie (ma era per il mio ragazzo), così come il vinile di Damon Albarn e poi il secondo dei Vaccines (che però era per Chiara)!

  3. ellie says:

    Non sai quanto ti invidio per il tuo viaggio in quel di Londra! Ultimamente da H&M ho trovate diverse cose carine a pochi franchi 🙂

  4. francimakeup says:

    Ben tornata! Io ancora niente saldi

  5. marymakeup says:

    Welcome back 🙂
    Saldi questi sconosciuti hahahahah

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s