Back in town

Che poi pare che non faccio una mazz… ehm, che mi gingillo e balocco ma in realtà spesso sono impegnata! Mi stupisco!

Miei amati,

sono tornata! In realtà sono tornata da giorni ma tra un fatto e l’altro non ho avuto veramente tempo di aggiornare il blog!

A Londra è andata benissimo, amo quella città e mi ci trasferirei domani se solo trovassi un lavoretto decente e attinente alla mia professione (dunque la dj oppure il pappagallino nella scatola). Oltre a qualche regalino (soprattutto dischi) ho deciso di non comprare molto altro, un po’ perché qui a Napoli ci sono già i saldi, un po’ perché avendo solo il bagaglio a mano non volevo impazzire col rischio che me lo facessero stivare. Ho preso comunque un eyeliner di Eyeko abbastanza interessante, vi farò sapere. Ho dovuto dunque a malincuore dire addio a un paio di Pretty Ballerinas e di French Sole di cui però, ammettiamolo, non è che avessi tutto ‘sto bisogno. Ma come sono morigerata.

Spero presto di potervi comunicare una bella novità lavorativa che mi vedrà coinvolta nei mesi a venire. Si tratta di un’esperienza che non credevo avrei potuto fare così presto e se tutto va in porto, potrebbe essere una cosa veramente molto bella per me! E a proposito di lavoro, su Young ho una nuova rubrica dedicata al trash che si chiama Questo triste mondo malato, date un’occhiata se vi va e segnalatemi qualche trashata!

Breve flash sui saldi: Qui sono iniziati il 2 e subito con Chiara abbiamo fatto un giretto poichè ci serviva l’abito per un party. EBBENE: Bershka ha ridimensionato le taglie, oltre ad essersi orientata su un target di bimbominkie un poco zoccole. Ho sempre indossato la S di questo brand e ho provato un abito che GUARDA CASO mi andava stretto in zona tette e voi sapete bene che io non ho tette, il che è un controsenso. Sto preparando un articolo di protesta, anzi dite la vostra se volete. Comunque da H&M ho preso un top a 5 euri e delle scarpine tipo brogues a 7 euri, mentre da Tally Weijl quest’abitino per soli 10 euri che è davvero carino (tra l’altro, traumatizzata da Bershka, l’ho preso una taglia in più, dunque mi va anche un filo larghetto ma tant’è).

E voi? Aggiornatemi!

Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Bimbominkiate, Carolina Invernizio, Fotografie, Lavoro, Legge di Murphy, Me, Non vi drogate bambini, Orrore a 33 giri and tagged , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

12 Responses to Back in town

  1. Pier(ef)fect says:

    Ci sei mancata (almeno qui sul blog, perché io per fortuna ti sento sempre :P) :*

  2. M says:

    Sounds good! Che dischi hai preso?

    • La Rockeuse says:

      l’EP di Martin Gore e poi una riedizione di Diamond Dogs di Bowie (ma era per il mio ragazzo), così come il vinile di Damon Albarn e poi il secondo dei Vaccines (che però era per Chiara)!

  3. ellie says:

    Non sai quanto ti invidio per il tuo viaggio in quel di Londra! Ultimamente da H&M ho trovate diverse cose carine a pochi franchi 🙂

  4. francimakeup says:

    Ben tornata! Io ancora niente saldi

  5. marymakeup says:

    Welcome back 🙂
    Saldi questi sconosciuti hahahahah

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s