La teoria del Pascolo

Miei cari,

dopo il successo del post sulla Teoria di Tarzan, torno con un’altra delle teorie del mio buon amico Achille, ovvero quella del Pascolo.

Per teoria del Pascolo si intende la triste tendenza che hanno persone di ambosessi a non avere spirito di iniziativa e dunque a doversi far trascinare (o pascolare) in qualsiasi situazione che li spinga ad uscire dal perimetro del proprio appartamento.

Avete presente quelli che non propongono mai un cinema, una birretta, un tiro alla ciambella, insomma  niente di niente e dunque dovete sempre proporre e organizzare tutto voi e al limite fargli anche capire che c’è vita oltre camera loro? Esatto, proprio quelli. A parere di Achille, intrattenere una relazione con una persona da pascolare è altamente drammatico, perché se all’inizio è divertente essere sempre i Mastro Giorgio della situazione, ad un certo punto diventa pesante, poiché le idee si esauriscono e quindi si finisce in piazza Bellini a bersi una birra da quello che le vende a un euro e tanti cari saluti. [Ci tengo a dire che Achille, bontà sua, fugò i miei dubbi dicendo che io ero una che “si pascolava da sola” e questa cosa ha sempre fortificato la mia voglia di essere una fanGiulla indipendente e mondana]

Personalmente non mi è mai capitato (per fortuna) di frequentare uno che si faceva pascolare, quindi non saprei che fare in questi casi. E’ indubbiamente vero che a un certo punto le persone prive di spirito di iniziativa annoiano ma semplicemente perché uno si domanda “ma questi non hanno nessun interesse?!” anche se probabilmente è anche una questione caratteriale, perché magari se uno è un po’ dispotico preferisce avere accanto una persona sempre disponibile a fare tutto ciò che desidera.

E voi? Che ne pensate di questa affascinante teoria?

Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Bimbominkiate, Carolina Invernizio, La sfiga, Legge di Murphy, Me, Non vi drogate bambini, Orrore a 33 giri and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

19 Responses to La teoria del Pascolo

  1. Marco says:

    Vero. Sono quel genere. In realtà ho tante idee e interessi ma temo che non piacciano ad amici/morosa, non ho molti fondi e finisco sempre per stare al minimo o al massimo aggregarmi. Certo, se le cose fossero diverse. Ogni tanto mi annoio anch’io ma se dovessi essere sincero e proporre ciò che mi piace cioè
    -arte giapponese
    -film francesi d’essai
    -cartoni animati tamarri
    -musica folk metal
    -videogiochi casinisti
    -ecc.
    -Sagre della porchetta con musica dal vivo e paninazzi
    Mi darebbero tutti addosso, credo.
    E se invece no?

  2. Marco says:

    PS. per un attimo pensavo che il titolo si riferisse ad un’altra abitudine deprecabile, ben illustrata nella famosa canzone popolare veneta:
    ” ‘A me morosa vecia/ ‘a tegno pa riserva/ e quando spunta l’erba/ la meno a pascolar”.
    (La mia ragazza di prima/la tengo per riserva/ e quando spunta l’erba/la porto a pascolare)
    Comodo, eh, avere una devota, innamoratissima, ruota di scorta cui ricorrere in mancanza di meglio demolendo la sua autostima e fingendo di dedicarvisi una tantum per assicurarsela stile rete di salvataggio!

    • La Rockeuse says:

      Secondo me dovresti proporre un po’ dei tuoi passatempi che sinceramente, mi sembrano piuttosto interessanti! Anche io amo il cinema d’essay!
      E non ti credere, ho strane passioni anche io :p
      Ad ogni modo, conosco purtroppo diverse persone che utilizzano la ruota di scorta e mi fanno una pena infinita perché spesso non pensano neanche ai sentimenti di queste/i povere malcapitate e le sfruttano a loro piacimento. Allo stesso modo, chi si presta a questo giochino mi fa ancora più tristezza poiché non ha stima di sé… onestamente meglio stare sola che con uno che mi cerca esclusivamente nel momento del bisogno!

  3. Valentina says:

    Io a volte mi faccio pascolare perché sono quella più adattabile alle varie situazioni. Se per caso dovessi proporre io di andare ogni tanto a una notte bianca in libreria o ad un evento sportivo, nessuno approverebbe, quindi è pure inutile.
    A meno che non ci sia il mio ragazzo, che sicuramente mi appoggerebbe!

  4. Luigi says:

    “Ma questi non hanno nessun interesse?” NO. A parte stare al centro dell’attenzione sui social network (da lì anche le azioni fuori casa volgono a quello).
    Ed io mi sto da solo a brucare!

    Mastr’giorg’! 😀

  5. Pier(ef)fect says:

    Allora io ogni tanto mi faccio pascolare perché non ho problemi in genere o particolari preferenze, o meglio, se gli altri propongono e qualcosa mi piace dico sì altrimenti rifiuto e propongo qualcosa io. La cosa che più mi infastidisce è la gente che si fa pascolare perennemente poi quando gli garba saltano fuori con richieste e idee impossibili! Ma cavolo, le vie di mezzo!?!?

    • La Rockeuse says:

      Ahahahah sono d’accordo! meglio pascolarli a sto punto, poiché accontentarli è quasi impossibile :p
      Sinceramente anche io come te alterno, propongo io o mi accodo, sia con gli amici che in coppia però in generale non mi piace dominare!

  6. Io non sono certo una che pascola o si lascia pascolare, idem per le persone che frequento. Ovvio che quando tutti dicono la loro ogni tanto bisogna “sacrificarsi” a fare cose che magari non ci vanno proprio a genio.

  7. Ripensandoci se a volte faccio cose che non mi vanno a genio forse un po’ vuol dire che mi faccio pascolare…hahaha

  8. dal chianti says:

    umm …. a me le lei imbambolate che se ne sortivano con: dove mi porti ? o con altre richieste che affermavano la loro sottomissione al mio lato dominante, dopo due sveltine gli dicevo d’ aspettarmi che andavo a prendere un carretto … e non mi vedevano più 🙂

  9. dal chianti says:

    ohee ! principessa nel tuo castelluccio (‘sto blog)
    che vuoi circondarti con buoni e fidati castellani,
    che accogliereste mercanti, clienti e subdoli lacchè,
    con ciurma e segrete a disposizione
    per chi si permette, da sotto quei bastioni
    attentare la scalata dei tuoi merli,
    assalto presupposto alla tua virtù
    come se ce l’aveste solo tu ?
    fuori da ‘ste tue mura, c’ è tanto mondo
    che, vedo, manco percepisci e non tutti, sappilo,
    vivono per e con, o solo, di vita altrui …

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s