How I met your father

blondes

Maglie sobrie

Ma voi ci pensate mai a come raccontereste a un eventuale figlio di come avete conosciuto suo padre/madre?

Mi ci hanno fatto pensare qualche giorno fa. E’ così strano, soprattutto per chi come me non ha ancora dei figli ma magari desidera averli… possibilmente con una persona decente. Quando ero piccola, come un po’ tutti i bambini, mi piaceva sentire le storie di come si erano conosciuti i miei genitori o i miei zii. Ad esempio, mi faceva sempre sorridere la storia di mia zia Pia che si innamorò a prima vista di mio zio Ivan ma riuscì ad uscirci solo dopo due anni (e ora sono sposati e hanno ben tre figlie), oppure di quando mia zia Fiorella incontrò per la prima volta suo marito all’Università e lo scambiò per un professore poiché aveva i capelli già brizzolati.

Qualche volta ho sentito anche racconti un po’ creepy, tipo una mia amica che ha conosciuto il suo attuale ragazzo perché lui la ha seguita per strada (!) o un’altra che lo ha fregato alla sua migliore amica… Per non parlare di due conoscenti di mia sorella che si sono conosciuti sul profilo facebook di un amico comunque, però vabbé, fa anche questo parte della vita e di quelle cose intricate che rispondono al nome di “rapporti umani”.

Mi piacerebbe poter raccontare ai miei figli qualcosa di fuori dal comune (ma va…), insomma che non sia “lo aggiunsi a caso su Facebook” per dire, preferisco “ci siamo conosciuti sul Forum dei fan di Peppa Pig”. In realtà il top sarebbe raccontare “Ho conosciuto il tuo papà durante un mio rovinoso dj set in cui passai anche Gigione e lui rimase sconvolto” o anche “Ho conosciuto tuo papà a un concertone dei Libertines” (e dico concerto perché mi voglio allontanare dalla storia del “sono una groupie”, oramai sono troppo vecchia…).

Probabilmente sto vaneggiando però oramai sapete che a me le storie, soprattutto belle, piacciono molto. E vorrei poter raccontare una cosa bella anche se so di essere condannata al divorzio, perché niente dura o almeno, niente di quello che costruisco io è davvero durevole, non lo dico per lamentela ma per constatazione.

E voi? Pensate mai a queste romanticherie?

Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Bimbominkiate, Carolina Invernizio, Orrore a 33 giri, Rock'n'roll and tagged , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

20 Responses to How I met your father

  1. francimakeup says:

    Si io ci penso spesso e non vedo l’ ora di fare vedere a Cate che quando ci siamo sposati c’ era anche lei eheheh

  2. ellie says:

    Ci avevo già pensato un po’ di volte. Stavo vivendo una storia molto seria, che pensavo sarebbe durata a lungo. Avevo pensato a cosa avrei potuto raccontare agli eventuali futuri pargoli, ma quella storia non mi piaceva più di quel tanto. Ora che questa relazione è finita, mi accorgo che probabilmente ero più innamorata del fatto di essere in una relazione, più che della persona in sé (almeno nell’ultimo periodo).
    Spero che quando arriverà il momento, avrò anch’io una bella storia da raccontare 🙂

    • La Rockeuse says:

      Ma sicuramente ❤ comunque purtroppo si, alcune relazioni dopo un po' diventano routine e ci si attacca più allo status che alla persona, almeno tu hai avuto il coraggio di ammettere questa cosa e lasciare che le cose facessero il loro corso, per molti non è così e rimangono ancorati a vecchie storie 😦

  3. marymakeup says:

    beh io ho conosciuto mio marito in un pub irlandese, ma la parte romantica arriva ora! Mi disse: “io e te potremmo avere una storia meravogliosa”…ci guadagnò un vaffanculo, ma sono quasi 20 anni (tra fidanzamento e matrimonio) che stiamo insieme ❤
    That's love 😉

  4. marymakeup says:

    ops scusa il francesismo :/

  5. vagoneidiota says:

    Ehm. Direi, innanzitutto, di cambiare prospettiva e, magari, non puntare ad avere figli con una persona “decente”.
    Perché il presupposto è, come dire, sbagliato.
    Suvvia.

  6. Marco says:

    Romanticherie ❤ Tanto la vita è sempre più assurda della fiction

  7. Luigi says:

    Figli? Mamme? Padri? I racconti sono certamente dolcemente piacevoli ma… sì, sei VECCHIA! 😀
    Ma finiscila, non vorrai mica incatenare quel pezzo di figa fisico-cerebrale della Rockeuse già da adesso?
    W il forum di Peppa Pig, w i Libertines e w Gigione, godiamoci tutto ciò e la Rock “unchained”, patrimonio dell’umanità!

  8. Luigi says:

    Ah, voglio sempre la foto dell’header, senza scritte sopra, grazie! 😀

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s