Quando gli Oasis cambiarono la nostra vita

Era più o meno il 1995. All’epoca Mtv Italia era praticamente appena nata e non se la filava nessuno o almeno, nessun bambino che frequentasse la quinta elementare. Dopo la scuola, tutti i pomeriggi, mia sorella maggiore accendeva sempre su Mtv. La metteva a volume basso, così non disturbava me che dovevo fare i compiti o lei che doveva studiare. Una volta finito il mio “dovere” perché “fare i compiti è il lavoro di chi va a scuola”, come diceva sempre lei, potevo guardare liberamente Mtv e più tardi i cartoni animati, prima di cena.

Ad un certo punto iniziarono a passare più o meno in heavy rotation (non che all’epoca sapessi che cosa fosse) “Wonderwall” degli Oasis. Mia sorella ed io divenimmo subito grandissime fan della band. Credo che Liam Gallagher sia stato tra i miei primi grandi amori ed uno dei responsabili per cui mi innamoro spesso di gente che ha gli occhi chiari, suona qualche strumento musicale ed è completamente pazza. Ricordo ancora quando per la Befana ebbi in dono “(What’s the story) morning glory?”, che trovai al mio risveglio, poggiato sul guanciale.

Poi iniziai le scuole medie. Per integrarmi con le femmine della classe finsi di essere fan dei BackstreetBoys, giusto per non fare sempre l’emarginata ma per fortuna i miei veri gusti erano altri. Sempre fortunatamente, col tempo mi accorsi che c’era anche altra gente al mondo che aveva scoperto gli Oasis. Lo notavi dal taglio di capelli, dalle camicie di jeans, dagli occhiali alla John Lennon, che ovviamente pochi sapevano essere “alla John Lennon” ma li indossavano perché li metteva Liam, dalle felpe Merc London.

Quando questi ragazzini furono abbastanza grandi per mettere a frutto le lezioncine di chitarra prese pigramente negli anni, nacquero tantissimi gruppetti musicali. Si suonava per lo più in casa, dando fastidio ai vicini, oppure in garage e ovunque ce ne fosse la possibilità. Nessuno voleva suonare il basso perché dicevano fosse inutile ma non si rendevano ancora conto di quanto fosse fondamentale nella costruzione della melodia di una canzone.

Il bello degli Oasis e nella fattispecie, dei fratelli Gallagher, era che facevano e dicevano tutto ciò che passava loro per la testa. Praticamente un sogno. Bevevano, fumavano, si riducevano uno schifo, creavano risse, avevano un seguito infinito, erano delle rockstar e soprattutto, sembravano liberi. E l’aspirazione di tutto il mondo è forse proprio questo essere liberi. Volevamo essere tutti un po’ gli Oasis. Personalmente volevo anche un ragazzo come Liam, pur sapendo che i testi li scriveva Noel, che era quindi il romanticone dei due e che con un Liam ci avrei soltanto sofferto. Ma anche quello faceva parte del gioco.

Non so se la conoscenza in giovane età con tutta quella birra, quelle canne e la violenza verbale ci abbia giovato molto. Quello che so per certo è che la conoscenza con la loro musica ci ha salvato, ci ha aperto la mente per conoscere molti altri cantautori e nei momenti più cupi, continua a salvarci. Ha sviluppato la nostra sensibilità, incanalato meglio la nostra rabbia, la nostra felicità, la nostra sofferenza. Comunque sia andata, ci ha cambiato in meglio la vita.

Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Bimbominkiate, Carolina Invernizio, Me, Non vi drogate bambini, Rock'n'roll and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.

23 Responses to Quando gli Oasis cambiarono la nostra vita

  1. M.Elly says:

    :O adoro ogni singola parola e ogni singola canzone.
    Anche se ero fan dei Backstreet Boys.

  2. marymakeup says:

    Wonderwall è una della canzone mie e di mio marito…Quando gli Oasis erano già molto famosi in Inghilterra e non molto conosciuti da noi (non quanto ora almeno) noi eravamo in vacanze in the UK. Un viaggio fantastico fatto in treno dalla Scozia all’Irlanda con What’s the story morning glory come colonna sonora! Ricordi bellissimi. Primo concerto degli Oasis a Bologna nell’autuno del 1997!!!
    Sto lavorando per voi 😉

  3. francimakeup says:

    Mi ricordo quando passava a nastro su Mtv

  4. Luigi says:

    Effettivamente hanno dato tanto, dici bene che hanno permesso anche di allargare gli orizzonti musicali e non.
    Ma tu ti sei innamorata di tutti i musicisti del mondo! Anche di questo bluesman https://www.youtube.com/watch?v=ilLHpVAfN8A

  5. ylian89 says:

    A me non sono mai piaciuti, ricordo quando facevano i video in tv, li evitavo 😀

  6. Marco says:

    L’arte ti salva dal brutto della vita o l’arte ti salva dopo averti essa stessa dannato? Domande iperretoriche alla Marzullo…
    Però gli Oasis mio padre dice che sono musicalmente i Beatles e io gli credo(e i Franz Ferdinand o i Blur gli vanno dietro). Quando una tradizione è tradizione…anche troppo

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s