Cinque cose che ho imparato in questo periodo

MalvagineIIMiei cari, oggi volevo condividere con voi qualche piccola perla di saggezza, giusto per non giocare sempre al ribasso. Nell’ultimo periodo mi sono successe delle cose brutte ma in un certo senso anche belle e ne ho tratto degli insegnamenti che voglio condividere con chiunque adesso o in un futuro si trovi ad attraversare un periodo negativo dal punto di vista psico-fisico: aappi che non sei solo e che con un po’ di buona volontà passerà.

1. Non aver paura di chiedere aiuto. Tutti abbiamo bisogno di una mano, non c’è nulla di cui vergognarsi. Chiedetela, chiedetela sempre. Ad amici, familiari, chiunque. Non abbiate paura, chi ci vuole bene è sempre qui per aiutarci, anche se apparentemente sembra lontano.

2. Pensare positivo. Sappiamo che già nella vita non esistono le persone che la mattina sono aiutate a vestirsi dagli uccellini uso Cenerentola e in certi momenti tutto ci viene da fare tranne che pensare positivo ma invece è un errore. Un vecchio proverbio dice che è inutile piangere sul latte versato ed è proprio così, angosciarci  non risolverà i nostri problemi, ne arrovellarsi sulle situazioni. Meglio pensare positivo, almeno cercare di farlo ed essere propositivi per il futuro, nella speranza che le cose vadano per il meglio.

3. L’importanza del perdono. Se c’è una cosa che ho capito è che bisogna perdonare, sempre e comunque ma lo dobbiamo fare per noi stessi, non per gli altri. Mi spiego: vivere col rancore danneggia prima di tutto noi, sia da un punto di vista mentale che fisico, quindi è meglio provare a perdonare e non dico a dimenticare ma a chiudere una porta, a lasciarci alle spalle il passato, che è andato e rimane dov’è. So che sembra facile ma non lo è affatto ed è qualcosa che viene col tempo ma davvero, poi ci si sente molto meglio. Anche perché, se ci riflettiamo, chi si comporta male prima o poi se ne rende conto ma anche se non dovesse farlo, l’importante è che sia lontano da noi.

4. Non abbassarsi a livelli infimi. Quando qualcuno ci fa un torto, la volontà di ripagarlo è molto forte. Bisogna essere invece superiori, non abbassarsi mai allo stesso livello di chi ci ha fatto male, perché commettiamo il suo stesso errore. Non è facile ed io sono la prima a sbagliare ma è meglio non rendere pan per focaccia a certa gente ma guardarli per quello che sono realmente: idioti.

5. Tenere vicine le persone che amiamo. Non c’è cosa più importante della famiglia, degli amici, di chi ci vuole bene sul serio. Quando si passa un brutto periodo spesso si sente l’esigenza di stare soli e può anche andar bene per un un po’ di tempo ma poi è bene stare con chi ci ama, perché possono contribuire tantissimo a migliorare il nostro umore e soprattutto a risollevarci. Francamente non so che avrei fatto senza i miei amici e non credo che ci siano parole adatte per ringraziarli per quanto hanno fatto (e fanno ancora) per me.

Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Carolina Invernizio, La sfiga, Legge di Murphy, Me, Non vi drogate bambini, Orrore a 33 giri and tagged , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

13 Responses to Cinque cose che ho imparato in questo periodo

  1. carlomirante says:

    Alla fine del post mi viene da aggiungere solo che è sacrosanto quello che hai scritto…alla fine vivendo la vita così e con questi gesti si può solo vivere meglio è in serenità…

  2. vagoneidiota says:

    Ma soprattutto, un amuleto.
    Non so, uno tipo quelli scaccia jella dal capello lungo.
    Bello il post e bello lo spirito.
    Mi piace l’idea di non cadere al livello di chi ti ha fatto male. Soprattutto, amo il concetto di pensare positivo allontanandosi da chi di positivo non ha nulla.
    – ciao! Che magnifica giornata, vero? – se lo dici tu.
    – ecco, a dire il vero c’è il sole…
    – embhe?
    – no, nulla di che. Magari un sorriso.
    – eh, si. La fai facile tu… sempre li a sorridere…sempre a bighellonare in questo mondo schifoso.

    Ecco. Ultima regola:
    Fuggire da chi il malocchio se lo porta dentro perché, tanto, anche di fronte alla voglia di sole, sarà sempre ombra capace di coprirci.
    Complimenti per il coraggio.

    • La Rockeuse says:

      Grazie 🙂 è vero, ci sono persone davvero nere, la cui negatività inevitabilmente ci contagia. E’ una cosa a cui io ho sempre creduto e che alla gente si legge in faccia, come dice un mio amico anche negli occhi. Non è facile sicuramente cercare di stare lontano a questi soggetti ma anche provare a pensar positivo ma è un qualcosa che secondo me dobbiamo a noi stessi, per vivere meglio!

  3. Pier(ef)fect says:

    Ma, non dimentichiamo anche, imparare a schivare le merde! Ci vuole un po’ di abilità ma ci si riesce 😉 Un bacione tesoro, porta con te SEMPRE questi insegnamenti!

  4. ylian89 says:

    Punto 4, non è per niente semplice

  5. Gelsomina says:

    Sul chiedere aiuto sono pienamente d’accordo. Solo così possiamo uscire da situazioni che da soli non ce la facciamo ad affrontare. Anch’io vengo da un periodo un pò nero e solo ultimamente ne sto venendo fuori, poco per volta.

  6. jesslan says:

    Io aggiungerei anche “A pensare male fai sempre bene” 😀
    Ciao tesoro, bacini

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s