Cucina con Rory: i Noodles giapponesi

20131218_172539_resized 20131218_172543_resized

Ok, non li ho tagliati benissimo ma sapete che la cucina non è il mio forte!

Miei cari,

oggi finalmente torno a parlare di cucina e vi propongo una ricetta che volevo fare da quando sono tornata dalla Cina, ovvero i Noodles, comunemente conosciuti anche come spaghetti asiatici! Non è stato facile trovare la ricetta, perché tra chi ci mette la farina di riso, chi fa cuocere il bicarbonato un’ora nel forno per ottenere non so cosa (sapete che neanche la chimica è il mio forte), però poi ho trovato questa che è semplice e abbastanza for dummies, quindi eccola qui!

Ingredienti:

200 gr di farina manitoba

200 gr di farina bianca

1 cucchiaino di sale fino

200 ml di acqua tiepida

Preparazione:

1. Mettete un bel brano natalizio che ora è periodo e vi farà compagnia. Mischiate le farine e setacciatele, quindi sistematele in una bella ciotolona e aggiungete il sale e l’acqua, mescolando tutto.

2. Ora viene il bello! Dovete impastare ma proprio bene, finché il composto non risulti omogeneo. Non temete se è troppo duretto, basterà aggiungere un altro po’ d’acqua. Se è troppo moscetto, un altro po’ di farina bianca. Una volta formata una simpatica palla, mettetela a riposare nella ciotola per 15 minuti, coperta da un canovaccio. Ora potete darvi alla pazza gioia per questo quarto d’ora!

3. Poggiate la palla di pasta su una superficie piana leggermente infarinata. Prendete un bel matterello e divertitevi a stendere la sfoglia, che dovrà essere tonda e bella sottile, diciamo un centimetro circa. Quando sarà bella stesa, cospargetela con della farina, tagliatela con un coltello in quattro parti (senso verticale e orizzontale) e arrotolate ogni parte su se stessa, avendo cura di aggiungere un altro pizzico di farina per non far attaccare tutto. Con l’aiuto di un coltello, tagliate a fettine il rotolo e cercate di farle sottili (non come me), quindi svolgete e adagiate su un canovaccio pulito… ed ecco i vostri fantastici Noodles!

Cottura:

Se non volete farli in brodo ma ad esempio, saltati in padella o nel wok, basta cuocerli in acqua bollente con un cucchiaio d’olio, poco salata, per qualche minuto, finché salgono a galla. Quindi possono essere scolati e conditi come preferite!

Buoni Noodles a tutti e viva l’Asia!

Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Carolina Invernizio, Fotografie, Rock'n'roll, Scoop! and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

19 Responses to Cucina con Rory: i Noodles giapponesi

  1. Michele says:

    mmm mai provati, ma li assaggerei volentieri fatti da te 😉

  2. Pier Effect says:

    Ma io amo i noodles *-*

  3. Marco says:

    Asia. Siiii! E poi non fare la modesta ché se ti metti a fare anche i noodles in casa sei già una cuoca, altro che “aprite la coppetta in plastica e versate 200ml di acqua ben calda”….(bleah! I noodles precotti dell’ Ispettore Zenigata…)

  4. tizy1289 says:

    *___* Devo provare!

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s