Credevate di esservi liberati di me, eh?

conchiaraE invece rieccomi!

Miei cari,

credevate di avermi persa, già lo so ma invece eccomi qui! Sono stata un po’ impegnata tra notti bianche del centro storico di Napoli, dove con la mia sister Chiara che vedete in foto con me, ho intervistato il creatore de L’Arte della felicità, in più ho partecipato ad una serie di eventi (anche vestita da hipster, come potete vedere) e dunque mi sono un po’ persa per strada.

Vi faccio un rapido aggiornamento random:

– qualcuno ha perso la decorazione per la porta fatta con tanto amore da mia sorella maggiore e me a Natale dell’anno scorso. Sono imbestialita.

– sempre qualcuno, si sospetta la colf, ha perso ben due mie paia di scarpe, ovvero dei tronchetti mattone e degli altri color tortora molto carini. Anche per questa cosa sono imbestialita, perché è impossibile che ben due paia di scarpe scompaiano.

– sono ancora in altissimo mare per i regali di Natale. Sicuramente prenderò qualcosa da Neve (che vi consiglio, siccome ha gli sconti) ma comunque non ho grandi idee per i regali a mia madre e mio padre, che comunque sono sempre i più difficili. Si accettano suggerimenti!

– Il 22 c’è il concerto di The Niro – che tra l’altro va anche a Sanremo – qui a Napoli organizzato dall’ottimo Luca Fiorentino con la mia partecipazione soprattutto emotiva. Non vedo l’ora perché io lo adoro e se vi trovate in zona, dovete venire assolutamente! Qui una canzone di The Niro che vi dedico volentieri.

– Nonostante io fossi in modalità antinatalizia, ho sentito che un mio amico farà Natale da solo a New York, mentre un’altra persona a cui tengo molto è in un brutto periodo e anche lui sarà abbastanza solo. Questa cosa mi ha fatto riflettere, perché a Natale, nonostante mi senta spesso triste, non sono mai sola. Ho una famiglia numerosa, buoni amici vicini e lontani che mi vogliono bene e insomma, sono fortunata da questo punto di vista. Allora sentire che qualcuno è solo a Natale mi fa rendere conto della mia fortuna ma mi fa anche pensare che potrei fare qualcosa di più, tipo invitare tutti al cenone a casa di mia nonna, dove tanto cucina mia sorella. Perciò se qualcuno di voi è solo o ha voglia di ridere (succedono cose assurde a Natale a casa mia), me lo dica che lo accolgo molto volentieri!

E voi? Che mi raccontate? Aggiornatemi!

 

Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Bimbominkiate, Giornalismi&giornalai, La sfiga, Lavoro, Legge di Murphy, Me, Non vi drogate bambini, Orrore a 33 giri and tagged , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

19 Responses to Credevate di esservi liberati di me, eh?

  1. Michele says:

    per le scarpe perse, devi proprio passare a trovarmi 😉

  2. marymakeup says:

    Saperlo prima venivo volentieri 🙂
    Scherzo dai…qui tutto ok, regali quasi archiviati e ora si sta decidendo il menù per le varie cene, cenone e cenette..insomma tutto come ogni anno!
    Anche io a Natale sono malinconica, chissà perchè! Beh io lo so il perchè, ma nonostante tutto è sempre una festa che amo molto e che mi riempie il cuore. Bacio tesoro x

  3. francimakeup says:

    Ma come si sono perse due paia di scarpe ….

  4. Marco says:

    Natale parentizio e piuttosto incasinato. Passerà e quando sarà passato sarò quieto. Meglio comunque parenti e relative questioni che un natale eremitico. Però il capodanno non me lo toccate, eh?!

  5. Marco says:

    PS: Cartoon d’autore, Italiano, Riflessivo (anche se magari dirà cose già dette). Lo voglio vedere! questo potrebbe essere la rinascita qui da noi di un genere finora relegato all’infanzia (qui da noi!)

    • La Rockeuse says:

      Te lo consiglio è veramente bello! e la penso come te, i cartoni hanno tanto da dire, solo da noi sono bistrattati, purtroppo!

      • Marco says:

        Sono ancora convinti che Miyazaki sia buonista e disimpegnato perché lo guardano chiudendo un occhio…quell’ecologista/comunista/psicologo/libertario di Miyazaki! Spero almeno che non portino il pupo a vedere “Walzer con Bashir” e poi si alzino dalla sala invocando la censura!

      • La Rockeuse says:

        Aahaahahahah addirittura?
        A me non piace troppo Miyazaki ma ad esempio mia sorella è una grande fan, credo di non capirlo, a parte che la Città Incantata mi terrorizzava, chissà come mai. Vabbè sono tante le cose strambe che mi spaventano, tipo “Sepolti in casa animali”.

  6. Marco says:

    OT apologetico: La città incantata è inquietante perché, come certi schiettissimi racconti per bambini orientali, è al di là del bene e del male e insegna l’intraprendenza, non la bontà. E’ inquietante come l’uomo nero e vuole esserlo. Miya ogni tanto eccede collo zucchero ma non è mai smaccato o ipocrita,anche se il Male e l’Ambiguo, quando ci sono, stanno nei dettagli, dunque qualcuno può guardarlo e pensare che sia l’ennesimo cartone da campana di vetro (come certi Disney ma meno di quanto si pensi anche lì). Il genitore apprensivo vi vede qualcosa di rassicurante e in effetti è (anche) ottimista e rassicurante ma basta chiedersi “perché Porco Rosso è diventato un maiale?”, “Dove sta la mamma delle bambine di Totoro? (e cosa succede in città, pieno dopoguerra, mentre i nostri si godono la campagna, sempre che tutta l’ambientazione non sia un 1950 alternativo?)” “Quali sono le conseguenze reali sulla cittadina dopo la ribellione di Ponyo”, “Che fine ha fatto il padre di Shun?” ecc. ed ecco che si vedono le ombre, relativizzate, sconfitte, ecc. ma mai assenti o rimosse…

  7. tizy1289 says:

    Mi piacerebbe tantissimo passare il Natale con te, una volta o l’altra. ❤
    Io l'ho trascorso da Ale ed è stato bello, perchè non avevo la cagnara dei miei parenti attorno. Natale e Capodanno per me vogliono dire tristezza, mi mettono addosso una nostalgia, una malinconia che non posso esprimere a parole… Insomma, preferisco passarli in tranquillità.

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s