5 cose da evitare del Natale

Si, lo so che ve lo metto ogni anno ma io proprio non lo sopporto!

Miei cari,

oggi parliamo delle cinque cose del Natale che sarebbe meglio evitare. Siccome l’aria natalizia è già qui da un bel pezzo, è bene iniziare questo periodo nel modo più positivo possibile, anche perché io sono una foreveralone e non perdo occasione per fare un po’ la grinch della situazione. Ovviamente non includiamo il Babbo Natale ladro d’appartamenti perché è fuori concorso.

1 – Il Calendario dell’avvento. Raramente si vide qualcosa di così inutile. Onestamente non ho mai capito a che serve e forse mai lo capirò, dunque continuerò sempre a considerarlo una cafonata.

2 – Il panettone riciclato dall’anno prima. Ammettiamolo: tutti noi, almeno una volta nella vita, abbiamo riciclato un panettone dell’anno passato. L’importante è ammetterlo e soprattutto, darlo in regalo solo alla persona che schifiamo di più al mondo, visto che è l’unica a meritare veramente tale trattamento.

3 – Le luci stroboscopiche. Una degenerazione delle tenere lucine natalizie sono quelle tamarre e stroboscopiche, soprattutto se adornano ignari balconi di terzi piani, destreggiandosi tra stendi-panni e vasi per piante. Più grosse, colorate e cafone sono, più attirano la fantasia trash dei tamarri da ogni parte d’Italia. Da evitare come la morte.

4 – Gli zampognari alle 8 del mattino. Che Dio li abbia in gloria, quando mi svegliano alle 8 con le loro zampogne maledette, un po’ Hevia, un po’ pastorello di Pollena Trocchia, loro sono uno dei motivi che rendono insopportabile il Natale. Ho più volte pensato di infilargli delle monete nella zampogna per impedire che suonasse ancora ma non ho ancora attuato il piano, vi farò sapere.

5 – I parenti emersi. Natale è anche un periodo dell’anno noto per i parenti sconosciuti che si presentano a casa vostra con scuse varie per scroccare un caffè, un dolcetto, un cordiale. Purtroppo questi sono da evitare anche se non si possono eliminare completamente, anche perché purtroppo sono parenti e ci tocca sorbirceli. Il segreto per conviverci? Ignorarli.

E voi? Qualcosa da aggiungere?

Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Bimbominkiate, Carolina Invernizio, La sfiga, Me, Non vi drogate bambini, Orrore a 33 giri, Rock'n'roll and tagged , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

36 Responses to 5 cose da evitare del Natale

  1. Luigi says:

    Ahahah, ma questo post trasuda napoliullume da tutti i pori! 😀 Sul calendario dell’avvento sono morto! 😀
    Ma anche lì gli zampognari urlano prima di iniziare a suonare?
    I parenti fanno schifo tutto l’anno! Ora non mi far ricercare il post, ma tu non avevi una foto con una zia/nonna, mentre indossavi un maglione da camino?
    Al babbo balcone della foto hanno attuato la mossa speciale per spezzare l’osso del collo!

  2. ylian89 says:

    Bè anch’io sono un pò grinch ma non troppo xD
    La cosa che non riesco a concepire è tutto il cibo che viene buttato

  3. marymakeup says:

    hahahhahahahahah da piccola avevo il calendario dell’avvento, ma quello con i cioccolatini. In Svizzera si usa ancora tantissimo! I parenti “natalizi”? Io sono anni che a Natale vado via con mio padre, mia madre, mio marito e i miei cani. Quest’anno siamo a casa, ma per il parentame vario siamo in Alto Adige come tutti gli anni hahahahah
    Capisci a me 🙂

    • La Rockeuse says:

      Ahahhaha e fate benissimo! ti dirò, anche a Napoli va di gran moda il calendario dell’avvento ma a me non è mai piaciuto, cioè a casa mia non c’è mai stato! Per quanto riguarda i parenti, purtroppo io in mezzo ne ho fin troppi… ti lascio immaginare le tavolate di trenta persone ogni volta, è una vera tragedia.

  4. Marco says:

    Almeno lo si intendesse col significato originale il Natale! (e tu mi dirai: originale pagano o risemantizzazione cristiana? E’ indifferente). Invece è tutta saccarina, tutta circostanza e una messa (‘na volta l’anno). Basta: è ora di viverlo come festa personale, di riempirlo di pensieri e iniziati proprie, di amici e forse anche di parenti (forse perché se arrivano solo allora e in centocinquanta c’è da chiedersi qualcosa, come i compagni che non vedi da un decennio ma si offendono se non li ammetti su FaceBook). E non lasciamoci travolgere (anche se un dolcetto, ogni tanto… 😉 ).
    Leggere questo sfogo con black metal in sottofondo non ha prezzo

    • La Rockeuse says:

      Ma io sono d’accordissimo con te. Mi spiego, questo fatto della corsa al regalo, del pranzo pacchiano, del di tutto di più, onestamente a me da un fastidio di pazzi. Non è questo il senso del Natale, sicuramente comprare non è mai il senso di nulla, almeno per come la vedo io, che tra l’altro dei soldi me ne sono sempre fregata relativamente. Anche cose come i parenti riemersi, quelli che arrivano solo nelle feste comandate… è triste. Se mi vuoi bene, ci sarai sempre non una volta all’anno.

  5. Marco says:

    Corrige: “iniziative”

  6. Pier Effect says:

    Mia nonna è quella delle luci stroboscopiche, che più tamarre sono più è contenta xD Confesso di non aver mai riciclato un panettone, se lo magnamo sempre! Io eviterei pure i babbi natale danzanti ai negozi, che mi mettono paura e ogni volta che iniziano a cantare mi si drizzano i peli! E un bel no agli alberi bianchi / finto innevati che a me in salotto non mi entra manco l’acqua!

    • La Rockeuse says:

      Oddio i babbi natale danzanti! cosa hai evocato! mi terrorizzano sempre, quando li sfiori e iniziano a cantare… brrrr
      Mia madre era fan degli alberi bianchi, una vera tamarrata effettivamente, tra l’altro sono pure brutti e molto anni Settanta,non so come possano avere appeal ancora oggi 😦

  7. M.Elly says:

    qui in spagna va alla grande e ti dirò, ancora di più nei Paesi del nord Europa… la mia amica tedesca è in fibrillazione per il calendario dell’avvento e se l’è fatto inviare da sua mamma! Ti dirò che non avevo idea di cosa fosse fino a due settimane fa…

  8. Qui in Svizzera, così come in Germania e in Austria, l’Adventskalender è un must! Io ce l’ho in feltro (non quelli di cartone, tristissimi) e lo riempio di cioccolatini.
    Il panettone riciclato?! Ma chi fa cose del genere è da denuncia!
    Per fortuna che qui gli zampognari (che fanno tanto tristezza molisana, con tutto il rispetto per la regione) non ci sono!

  9. Michele says:

    hahaha evito tutto tranquilla
    devo però iniziare a panettonarmi, che non ne ho ancora mangiato ed è grave (soprattutto devo fare la mia famosa spuma al torrone da aggiungere) 😉

  10. Marco says:

    Per me il Natale è soprattutto canto, con la corale del Duomo 🙂 I parenti che compaiono una volta l’anno li eviterò alla radice: quest’anno Natale non lo trascorrerò con i miei…

  11. francimakeup says:

    Io amo il calendario dell’ avvento da quando sono bambina ahahah perché sei contro questo oggetto meraviglioso perché?

  12. Strawberry says:

    I panettoni riciclati a casa mia non si sono mai visti perché ce li mangiamo tutti e quando vivevo con le mie coinquiline ricordo pandori pappati a colazione ancora a febbraio! XD
    Io solitamente amo molto il Natale, quasi come una bimbina, ma quest’anno, visto l’andazzo delle mie cose, credo che sarò un po’ grinch anche io… e forse mi divertirò anche! 😀

    • La Rockeuse says:

      Ahahah molto meglio così 🙂
      Anche a me quest’anno il Natale non andrà granché bene, però sto cercando di autoconvincermi che le cose andranno meglio…. speriamo bene. 😦

  13. Ti trovo per puro caso e non ho letto altro di te… per ora; e non ho letto neppure tutti i commenti dei tuoi amici.
    Il mio commento è che mi sembri un po’ disfattista. C’è gente che aspetta solo il Natale per poter mettere in atto con gioia e soddisfazione ciò che tu loro distruggi.
    Perché non essere un po’ tolleranti verso certi momenti gioiosi… come quello, che non farò mai, di illuminare balconi e balconcini?
    Forse sono stato maleducato a intrufolarmi in questo modo. Chiedo scusa ma auguro ugualmente un… BUON NATALE.
    Quarc

    • La Rockeuse says:

      Buon Natale a te!
      il post è ironico e non disfattista, mi pare evidente che ognuno può fare quel che vuole a Natale, non è che se lo dico io diventa illegale mettere i babbi Natale appesi fuori al balcone, rimane solo di cattivo gusto.
      Per dire, io adoro fare i biscotti di pan di zenzero, per gli altri sono solo un’americanata 🙂
      il mondo è bello perché è vario!
      buon Natale 🙂

  14. cataratta says:

    In casa Cataratta si festeggia per la prima volta il Natale con tutti i crismi richiesti. La primogenita mi ha confessato che quest’anno vuole credere in Babbo Natale perché le piacciono i regali che porta. Piccole consumiste crescono.

  15. jesslan says:

    Nonostante non sia religiosa, il calendario dell’avvento mi piace. Da bambina ogni tanto mi arrivava quello con le caramelline di zucchero. Quest’anno invece ho quello della Thun, per partecipare al concorso. Ho visto in giro un calendario dell’avvento fatto in legno, tipo cassettiera, delizioso! Mi piacciono gli addobbi del natale, vedere lucine dappertutto (meglio se piccole e a led) e mi urta solo il troppo, cioè 28 fili diversi su un balcone stanno male, possibile che non lo capisca la gente? Mi piaccio le decorazioni tipo stelline, albero, fili colorati. E basta. Tutto il resto non lo tollero. Non mi piace il periodo 20/12-01/01!!

    • La Rockeuse says:

      Com’è quello di Thun? non credo di averlo mai visto! Comunque io adoro gli addobbi natalizi, a patto che non siano trash e/o cafone, in generale non amo molto gli eccessi, compresi sprechi di cibo e troppi regali ai bambini!

  16. carlomirante says:

    Oddio, mi hai ucciso su un punto, il calendario dell’avvento…per il resto mi salvo… 🙂

    salutissimi

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s