Pupetta, il coraggio e la passione – La recensione

La Arcuri in “Pupetta” – foto dalla rete

La suddetta

Miei cari,

non so se avete visto/sentito parlare della nuova fiction Mediaset andata in onda ieri su Canale 5 dal titolo Pupetta – il coraggio e la passione, storia ispirata alla vicenda di Pupetta Maresca. Ora, polemiche a parte suscitate dalla storia in sé, che comunque riguarda una camorrista e assina che viene sollevata a persona “coraggiosa” (ma de che?) e innamorata, voglio soffermarmi proprio sulla fiction itself, uno dei peggiori prodotti televisivi mai realizzati.

La storia si apre su una Napule nel secondo dopoguerra che ricalca ogni cliché possibile e immaginabile, dal raù della domenica al tu si na femmena e devi stare a casa che rappresentati in modo macchiettistico hanno del ridicolo più che del veritiero. Insomma, caro regista della fisciò, ti sarebbe bastato vedere non dico tanto ma uno, due lavori di De Filippo per fare un lavoro sicuramente migliore. Invece ci troviamo davanti a un lavoro mal sceneggiato e recitato pure peggio.

Pupetta, alias Assunta, è una guagliuncella tanto allegra e capa tosta, che pur crescendo tra gentaglia, camorristi che si uccidono per lotte legate al mercato ortofrutticolo, non ha paura di nulla e non la manda certo a dire. E infatti, vedendo ammazzare un povero cristo sotto i suoi occhi, non ha timore di rivelare chi è l’omicida dell’uomo, beccandosi cazziate dai fratelli, dal padre, dalla mamma che prepara il raù e dal camorrista coi capelli tinti del quartiere, tale don Vitiello. Morale della favola, la povera Pupetta viene chiusa in un collegio che è un convento ma sembra un carcere che si chiama “Le Pentite”, gestito da monache “Brutte, chiatte e ‘ntipatiche”. La ragazzina che interpreta Pupetta da giovine ha un accento napoletano veramente poco credibile ma che è nulla a confronto con quello della Arcuri, che oramai lavora solo grazie a queste fiction, senza comunque aver imparato a recitare in tanti anni.

Dopo tanti anni, Pupetta esce dal convento-carcere che si è trasformata in Manuela Arcuri, espressiva come lo sportello bancomat più vicino a casa vostra. Giunta a casa, scopre che è stata promessa in sposa a don Vitiello, camorrista di quartiere coi capelli tinti, che nonostante gli anni è rimasto immutato. Lei ovviamente non ci sta e prima tenta di fuggire col suo ex fidanzato di quand’era ragazzina, che giustamente si da alla macchia scappando in Germania, allora rischia tutto dicendo a don Vitiello che non è più vergine. Per fortuna il regista ci risparmia la scena della visita medica per appurare la verginità di Pupetta-Manuelona.

Nel frattempo, Pupetta-Manuelona si interessa a Michele, giovine che utilizza un ottimo fondotinta ed è nipote del tizio ucciso all’inizio della fisciò. Lei ancora non lo sa ma tutto fa presagire che costui sarà il LOVVO della sua vita. Purtroppo Michele è finito nel mirino di don Vitiello per non si sa quale problema connesso con la verzura e quindi sta per fare una brutta, brutta fine, per mano del perfido camorrista. Tra l’altro la sorella di Michele è interpretata da una Barbara De Rossi pessimamente imparruccata, anche lei che scimmiotta senza successo l’accento napoletano, risultando comunque più credibile di Eva Grimaldi, altro personaggione da fiction Cinque, che qui interpreta una donnetta allegra che dice spesso “sto figl’ e zoccola!” mostrando anche lei ottime doti recitative.

La puntata si chiude con Pupetta-Manuelona a cui una ex compagna di collegio propone di andare a Cinecittà per sfondare (non fatemi essere volgare), Michele che sta per essere sparato da don Vitiello, le donne napulitane che fanno o raù e Pullecenella che canta Funiculì-Funiculà, lasciandoci con un atroce dubbio sul futuro di tutti.

Avete visto questa fisciò? Che ne pensate?

Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Bimbominkiate, Carolina Invernizio, Giornalismi&giornalai, Non vi drogate bambini, Orrore a 33 giri. Bookmark the permalink.

25 Responses to Pupetta, il coraggio e la passione – La recensione

  1. jesslan says:

    Mi fisciò italiane mi fanno pena, soprattutto dove ci sono la Arcuri e Garko. Non che ce l’abbia con loro, per carità, ma sono veramente quasi peggio di Un Posto al Sole! Anche un vitello reciterebbe meglio, quindi mi rifiuto a priori di vederle!

    • La Rockeuse says:

      Si sono davvero un gradino sotto di Un posto al sole, che comunque è trash ed io adoro *.*
      anche lì il livello recitativo è assai scarso ma comunque è un male condiviso da tutta la fisciò italiana!

  2. Emily says:

    Sto morendo dal ridere, haha. La recensione è bellissima, la “fisciò” un po’ meno credo…
    Non l’ho vista perché solo la pubblicità mi faceva ribrezzo e dal tuo resoconto penso di aver fatto bene.

  3. Pier(ef)fect says:

    Secondo me don Vitiello è geloso dell’ottimo fondotinta di Michele! Sai che fatica trovare il giusto sottotono!! Comunque la tua recensione mi ha fatto troppo ridere, e sono certo che Pupetta- Manuelona mi avrebbe fatto molto piangere… sopprimetela! La fisciò dico…

    • La Rockeuse says:

      Sono contenta ❤ anche io soffro perché vorrei il fondotinta buono di Michele, infatti parteggio per don Vitiello! Sono da sopprimere sia la fisciò che gli sceneggiatori!

  4. La tua recensione è bellissima, davvero 😄 e no, non l’ho vista sta schifezza ahah

  5. Marco says:

    Non ho la TV ma la foto da diva noir sembra strappata ad un episodio di Batman…

  6. ddrD says:

    ahahahaha a “ottimo fondotinta” sono veramente collassata :DDDDD
    Io ho visto solo due scene: quella dove sputa sul vetro davanti al ras locale con fare da “strong black woman who don’t need no man” e quella dove, con l’espressività di uno scalino di basalto, si taglia i capelli da sé dopo aver minacciato la versione brutta e cattiva di Suor Maria Patrizia di Sister Act.

    In ogni caso vogliamo ricordarla così: DUM DUM DUM DUM DUM DU

  7. marymakeup says:

    mi rifiuto…e mi domando…ma chi è che fa lavorare l’Arcuri e perchè?????

  8. Io con molto rammarico devo dire che non l’ho vista, ma dalla tua recensione deduco che la seconda parte non la posso perdere! hahahaha

  9. Adriana says:

    Penso che la Arcuri non riuscirebbe a essere credibile neanche se interpretasse se stessa.

  10. Biagiochi? says:

    Non ho mai visto niente di più imbarazzante. Il livello è pari a quello di una fiction che trasmetterebbero soltanto in Corea del Nord. Fa molta rabbia vedere lavorare una massa di incapaci (TUTTI, chi l’ha scritta, pensata, prodotta, recitata, ecc)…

  11. LifeLover says:

    Hahahaha bellissima la recensione!!! 😄 😄 la fiscio’ 😄 non l’ho vista , perche’ quando vedo manuela arcuri e i suoi tentativi di recitare provo un sentimento di pena misto tristezza 😄

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s