5 modi per sopravvivere a un concerto rock

sunrockdavideLa sottoscritta con Davide Verde, creatore del SunRock

Miei cari,

oggi si parla – tanto per cambiare – di concerti rock e in particolare, di quelli più duri, che richiedono una sorta di prova di sopravvivenza da sottopalco.

Vi sembrerà una scemenza, ma certe volte un concerto è una vera e propria lotta. Talvolta, scavalcare la sicurezza potrebbe essere più difficile dello scavalcare l’Everest, in altri momenti potremmo trovarci in mezzo ad un pogo rischioso… insomma, tutto questo per dirvi che ai concerti bisogna andarci psicologicamente preparati.

Quindi, ecco cinque consigli per sopravvivere alla grande a un concerto.

1 – L’importanza dell’acqua. Durante un concerto potreste trovarvi in mezzo alla folla, con una voglia matta d bere ma nessuna bottiglietta d’acqua a portata di mano. E qui scatta la mandracata. E’ bene portarsi sempre almeno una bottiglia d’acqua da un lt da casa (in estate anche completamete ghiacchiata), in modo da non soffrire mai la sete ma anche il caldo, quando c’è bisogno di buttarsene un po’ in testa per non squagliarsi. Non ci credete? Fatelo e mi ringrazierete.

2 – Le scarpe giuste. Ricordatevi sempre che una scarpa comoda non sarà tutto ma è buona parte. Potrà salvarvi da lacrime, dolore e quant’altro. Quindi agite di conseguenza e indossate le calzature giuste a seconda del luogo in cui andrete a sentire il concerto. Vi parlo per esperienza personale: una volta durante un festival all’aperto un sandalo mi si squarciò. Da allora, mai più sandali durante i concerti all’aperto. Senza contare che la scarpa giusta ci protegge da cocci, bottiglie, robaccia buttata per terra. Il che non è mai male.

3 – Occhio alla sicurezza. Ammettiamolo: un tentativo di conoscere la propria rockband del cuore non si nega a nessuno. Quindi perché la sicurezza deve rompere l’anima sempre e comunque? Fate sempre attenzione: se il tipo della security è ottuso e insensibile, fate un paio di tentativi ma poi girate alla larga, perché altrimenti potreste anche giungere alle mani. Potrete sempre farela posta alla band all’uscita… tanto, come dice mia sorella, prima o poi ciò che entra esce sempre, no?

4 – Nel pieno del pogo. Se siete ad un concerto di una band particolarmente tosta, sicuramente ad un certo punto scatterà il pogo. Se vi piace pogare, fate in modo di proteggere la testa con le braccia, in modo che naso-occhi-orecchie siano protetti da eventuali attacchi. Quando il pogo si fa troppo duro e avete paura, indietreggiate rapidamente e mettetevi in salvo.

5 – Fauna da sottopalco. Siete nella zona sotto al palco ma non riuscite a vedere nulla perché quei quattro idioti davanti a voi ballano e saltano come dei dannati da un’ora (true story)? No panic: date loro qualche spintone o mettetegli qualche sgambetto! Non sarà una cosa politicamente corretta ma loro s’allontaneranno e voi potrete stare tranquilli. Consiglio: fatelo però quando attorno c’è molta gente e loro sono abbastanza presi dal fare gli idioti, così non si renderanno mai conto che chi li spintona siete proprio voi.

E voi come sopravvivete ai concerti? Avete altri suggerimenti?

Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Bimbominkiate, Carolina Invernizio, Fotografie, Legge di Murphy, Non vi drogate bambini, Orrore a 33 giri, Rock'n'roll, Scoop!. Bookmark the permalink.

32 Responses to 5 modi per sopravvivere a un concerto rock

  1. Spiderwesten says:

    ahahah confermo tutto, soprattutto l’ultimo punto! 😀

  2. Emily says:

    Dal pogo solitamente scappo. Mi piacerebbe gettarmi nella mischia, ma penso morirei, considerando che solitamente a pogare ci sono degli omaccioni che sono il quadruplo della mia stazza.
    Concordo sull’importanza dell’acqua, per questo porto sempre un tappo di riserva in tasca. Di solito all’entrata tolgono il tappo dalla bottiglia e andare ad un concerto con una bottiglia dell’acqua aperta non è il massimo.
    Consiglio anche, se si tratta di grandi festival con perquisizioni insistenti all’entrata, di portare il minimo con sè, anche dal punto di vista dell’abbigliamento: niente cinture particolari ed evitare i portafogli con la catenella. Purtroppo quelli della sicurezza non capiscono che la nostra intenzione non è picchiare qualcuno con un’innocua catena, ma semplicemente evitare di perdere il portafoglio.
    Inoltre, anche se c’è pericolo di pioggia, niente ombrello perché il rischio che lo sequestrino è alto: all’ingresso di un festival ho dovuto dire addio al mio bell’ombrello.

    • La Rockeuse says:

      Verissimo, infatti meglio una felpa con cappuccio che l’ombrello, almeno in situazioni molto grosse dove potrebbe essere sequestrato. Per quanto riguarda gli accessori, io direi di portare anche cose non un granché, nel senso che non è un evento fashion, quindi se la borsa figa si sporca è un peccato. Non sapevo invece delle bottiglie a cui tolgono i tappi o meglio, a me non è mai capitato per fortuna ma è un bel problema 😦

      • stellassj says:

        Anche a me è successo spesso che rubassero i tappi, con la scusa di non trasformare le bottiglie in oggetti contundenti. Poi però all’interno ti vendono le bottiglie a 5 euro al litro. Tappate. E magari di vetro.

      • La Rockeuse says:

        Infatti la storia che ti rivendono roba carissima è una follia! Che poi di sicuro ti tolgono il tappo in modo da costringerti a comprare l’acqua in loco, il che non è giusto perché non è sempre detto che uno ai concerti abbia i miliardi da spendere :/

      • stellassj says:

        già.. soprattutto visto che il prezzo medio dei biglietti è ormai sui 60 euro… (ma ho pagato anche 80 e oltre per gli ultimi)

  3. Pier(ef)fect says:

    Io direi il cibo o quanto meno caramelle per eventuali cali di pressione che nella calca capitano. Poi una giacca se si è all’aperto: molti credono che perchè la mattina fa caldo la sera non possa far freddo! Comunque solo a me viene mal di testa dopo 3 secondi di pogo!? Sarò poco rock!? Mah!

    • La Rockeuse says:

      Ahhahah nooo io non pogo più! Oramai ho paurissima di farmi male, prima ero più coraggiosa!
      Giusto, qualcosa da mangiare e una giacca/pullover/felpa sono sempre buone cose da portarsi, specie le giacche, perché il cibo si trova ma una giacca no :p

  4. vevrey says:

    Articolo interessante…
    Mi tornerà utile 🙂

  5. ylian89 says:

    Grazie ottimi consigli!

  6. francimakeup says:

    Ottimi consigli! Io aggiungerei anche di vestirsi in modo adeguato una volta avevo una salopette larga che mi si è sganciata e sono praticamente rimasta in mutande

  7. marymakeup says:

    sì dai ci siamo…secondo me i punti fondamentali sono proprio l’acqua e le scarpe comode. Lascia stare la sicurity, se conosci bene, altrimenti lascia perdere e cerca altre strade (lecite eh????) come sai ne ho fatti tanti di aftershow 😉

  8. stellassj says:

    Dato che i tuoi post sono sempre interessantissimi, quando li leggo, commento sempre 2 volte. Rieccomi dunque. Concordo su tutto e aggiungerei, quanto a scarpe, di investire in un bel paio di New Rock zeppa 15. Non solo si evitano cumuli di rifiuti e piedi schiacchiati, ma si ha anche il vantaggio, se come me non sì è proprio una stangona (ma esistono anche i modelli da uomo) di guadagnare tutto in visibilità. Non sono le scarpe più comode del mondo, lo ammetto, ma per i concerti io mi trovo benissimo. Giustissimo e sacrosanto evitare oggetti costosi. Io per i concerti ho conservato appositamente il cellulare scrauso. Evitate anche i Rayban e andateci con gli occhiali di plasticazza. Infine, ok, tutto serve per la sopravvivenza. Ma se siete nelle prime file al concerto dei Rammstein non sperateci troppo.

    • stellassj says:

      ps. tra 10 giorni vado a vedere i KISSSSSSSSSSSSSSS ❤

    • La Rockeuse says:

      Ma grazie ❤
      Quello sulle New Rock è un ottimo consiglio! Spesso in inverno metto gli anfibi che comunque proteggono bene, anche se non è la stessa cosa, soprattutto dal punto di vista dell'altezza.
      Al concerto dei Rammstein in prima fila bisogna andare belli carichi! Altrimenti davvero si rischia! Infatti io consiglio sempre a chi non ha tanta dimestichezza con la fauna da concerti di evitare le prime file, perché per quanto sia una figata stare sotto al palco, non tutti se lo possono permettere :p

      • stellassj says:

        Esatto! Io ormai sono stanca di farmi massacrare per stare davanti (ho già dato) quindi lascio spazio ai giovani più volenterosi. Quello che intendevo sui Rammstein è che anche il pubblico è un pò particolare… diciamo che l’utente medio delle prime 20 file è una specie di Vin Diesel ubriaco e con la panza… quindi tra questi che pogano e le fiammate vere e proprie che arrivano dal palco, è una specie di inferno dantesco!!! XD

      • La Rockeuse says:

        Ecco, giusto! anche io, diciamo che abbiamo già dato. Non sono mai stata ad un concerto dei Rammstein ma penso sia normale, nel senso che non ho mai sopportato la gente che giudicava concerti di band di un certo genere (e target di pubblico) troppo rumorosi o incasinati… se non ti piace la fauna o il mood non ci vai e basta! Anche io ho rinunciato a concerti perché troppo bordellari per me, meglio fare così che andare e lamentarsi 😀

  9. Mr. Nik™ says:

    Sotto scrivo tutti i punti.

    PS: nella foto sei uno splendore!

  10. Mel says:

    non riuscite a vedere nulla perché quei quattro idioti davanti a voi ballano e saltano come dei dannati da un’ora (true story)? No panic: date loro qualche spintone o mettetegli qualche sgambetto…
    su sta cosa non sono affatto d’accordo…che male c’è a fare ciò?? dopotutto si è a un concerto e sinceramente la gente che sta davanti e resta immobile x tutto il concerto non la sopporto…se vuoi farti il concerto tranquillo stai dietro..

    • La Rockeuse says:

      E perché mai? Io voglio vedere il concerto in una buona zona, ho pagato come gli altri… non è giusto che ci sia chi ti si butta addosso. Quando avrai la mia età capirai!

  11. Federica says:

    Io a giugno vado a vedere gli Aerosmith… non vedo l’ora!!! Grazie dei consigli!!! 🙂

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s