5 modi per portare sfiga a qualcuno

Quando ci vuole, ci vuole.

Disclaimer per i profani: questo è un post scherzoso, qui non si vuol far male a nessuno. (Ma portargli un po’ di rogna sì).

Miei cari. Quando è guerra e guerra. Se qualcuno ci fa un torto, un po’ deve pagarla. E siccome nella guerra tutto è concesso, anche portare un po’ di sana sfiga è permesso. Ecco quindi cinque simpatici modi per portare un po’ di rogna a qualche antipaticone.

1. La suggestione. Uno dice che la sfiga non esiste ma sappiamo che invece esiste eccome, soprattutto se ne siamo suggestionati. Una delle tecniche migliori è quella di suggestionare il nostro nemico, in modo da fargli credere che qualcosa andrà storto. Il metodo più facile? Dirgli, con voce flautata di “Stare attento”. Non si libererà mai più dalla convinzione che passerà un guaio.

2. Buon viso a cattivo gioco. Quando uno è vostro nemico, 90 su 100 sa benissimo di esserlo e chiaramente, sa che non lo sopportate. Non c’è modo migliore di marcare a peste, come si dice a Napoli che far finta di nulla e augurargli ogni bene, dal profondo del nostro cuore.

3. Il Karma. Alla fine lo sappiamo, se si fa una cattiva azione, questa ci torna sempre indietro. Questo è il metodo più lungo ma spesso anche tra i più funzionanti, perché prima o poi il karma farà il suo corso e farà in modo che chi ci ha fatto un torto subirà lo stesso trattamento. Bisogna solo avere un po’ di pazienza.

4. La vendetta trasversale. Questo non è proprio un metodo di portare sfiga ma è comunque qualcosa con conseguenze davvero rognose, quindi appuntatevelo bene. Se vi capita di trovarvi face-to-face col vostro nemico, fate in modo di recuperare un chewing-gum. Iniziate a masticarlo e quando si ammorbidisce, fingete un attacco di tosse. Al culmine, tossendo, sputategli in testa il chewing-gum, che, nei casi di sfiga estrema, gli si attaccherà inesorabilmente ai capelli, che sarà costretto a tagliare. Attenzione: potenzialmente si tratta di una cosa veramente cattivella da fare. Dosatela con cura.

5. Concentrarsi. Questa è la mia tecnica preferita, quella dell’occhietto secco.  Ci sono rimasti sotto in tanti, il che fa capire che funziona davvero. Si tratta di concentrarsi sull’augurare un male più o meno grave al nostro nemico… Che si, ok, non si dovrebbe fare ma tanto lo sappiamo che spesso è più forte di noi e lo facciamo lo stesso. Non dimenticherò mai il malefico prof di Storia dell’Arte Medioevale che, dopo le varie seccie buttategli dagli studenti, cadde, si ruppe una gamba e rimase KO per un anno e mezzo. Finanche gli altri prof della facoltà iniziarono a dire “è sicuramente per le bestemmie che gli hanno mandato i ragazzi”. Insomma, questo è un caso limite, uno si accontenterebbe anche di un escremento di animale caduto dal cielo!

Avete qualcosa da aggiungere a questa simpatica lista?

Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Bimbominkiate, Carolina Invernizio, La sfiga, Legge di Murphy, Non vi drogate bambini, Orrore a 33 giri, Scoop!. Bookmark the permalink.

15 Responses to 5 modi per portare sfiga a qualcuno

  1. Cybermax says:

    La vendetta trasversale è la mia preferita.

  2. Michele says:

    hahaha fantastico, premesso che non sono superstizioso quindi non credo alla sfortuna (sono più seguace di Caos) i tuoi sistemi sono decisamente scientificamente appropriati direi 😉
    (e vista la mia premessa non mi tocco nemmeno leggendo)

  3. Luigi says:

    La teoria confuciana è sempre immortale ma la numero 4 non è male! Già immagino il masticare con foga fantozziana all’apparire del nemico, per poi sputare balisticamente. Ma devi prima superarlo e colpirlo sulla nuca o sparare da un’altura? E se si gira e lo prendi in faccia?

  4. Ailuig says:

    Ma hai già sperimentato la 4? :’)

  5. tizy1289 says:

    Io spero di esser degna figlia di mia madre, che é riuscita a far fuori due papi e un paio di attori semplicemente sognandoseli morti o dicendo “mah, li vedo male.”. ..:p

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s