About lauree pezzotte and other writings

Giannino Giannetto (foto dal web)

Miei cari,

oggi riflettevo sull’importante tema del falsificare, millantare o appezzottare, come si dice a Napoli, i titoli di studio. Ora, a parte il fatto che è illegale dichiarare di aver conseguito una laurea, è anche una cosa estremamente triste. Innanzi tutto perché, a parer mio, la laurea non fa la differenza ma anche perché prima o poi arriva sempre qualcuno che ti sgama e lì sono veramente brutte figure.

E dunque, dopo Giannino, anche una tipa del partito di quello che pubblicizzava lo yogurth (non facciamo nomi, solo cognomi) è stata accusata di avere delle lauree farlocche e lei, abbastanza discutibilmente, anziché scrivere al giornale e al giornalista che l’avevano accusata, ha creato un blog ad hoc dove ha pubblicato le immagini dei suoi attestati, che mi hanno tanto ricordato quelli esposti nello studio dell’avvocato dei Simpson, Lionel Hutz.

Ora percarità, magari lei è solo una vittima, c’è stato un frainteso e tutto quello che volete ma la domanda rimane, non per lei ma in generale. Perché la gente si inventa i titoli di studio? Che senso ha? La storia ci mostra esempi più che eminenti di gente che la laurea non l’ha mai presa, eppure ha dato un enorme contribuito. Uno su tutti, Benedetto Croce, che non era proprio l’ultimo stronzo – passatemi il termine.

In più, oggi un tipo mi ha anche accusato di rosicare nei confronti di questa tizia. E vi dirò, un poco ci rosico, perché io laurea e master li ho presi davvero ma fatico comunque a sbarcare il lunario ma più che lavorare con lo yogurtharo, andrei a fare la beat girl per il Casto Divo.

Nella perplessità, vi lascio anche il link della mia intervista ad Amlo fatta per YOUng.

Ma voi che ne pensate? Pezzottereste mai una laurea?

Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Bimbominkiate, Fotografie, ImmanuelCastologia, La sfiga, Lavoro, Legge di Murphy, Me, Non vi drogate bambini, Orrore a 33 giri. Bookmark the permalink.

21 Responses to About lauree pezzotte and other writings

  1. ylian89 says:

    Assolutamente no, anzi io vado fiero del mio diploma da perito informatico, e devo dirti che lo apprezzano in tanti 🙂

  2. Valentina says:

    Io la laurea ce l’ho, ne sto prendendo un’altra, ma non mi sento superiore a nessuno. La laurea, come dici tu, non fa la differenza per quanto riguarda l’intelligenza di una persona. Probabilmente c’è chi a dire che ha la laurea si sente più importante, non saprei.

  3. Emily says:

    Sinceramente no, non lo farei.
    Credo che questo sia un problema sorto negli ultimi tempi, dove avere una laurea è importante per far vedere che sei intelligente o almeno così la gente pensa… Invece considerando che oramai all’università si iscrivono anche quelli che in 5 anni di liceo non hanno aperto libro e hanno ottenuto un 60 in regalo, direi che avere una laurea non vuol dire più niente oramai, soprattutto la triennale…

    • La Rockeuse says:

      Esattamente! Ma anche la magistrale, non ci trovo troppa differenza, o i master, dove va bene che c’è selezione però chi non ha i soldi per pagare spesso è comunque costretto ad andar via. Che tristezza.

  4. andrew says:

    Hard work pays off, lying never prospers. I have a degree, in Kinesiology. Looking back, I would change it but I can’t. All I can do is be me and hope that people accept it. Very proud of you for your hard work and it will pay off, I promise. :*

  5. jesslan says:

    Perché se le inventano? Perché fa figo! Fa figo senza sforzo per altro!

  6. Michele says:

    Millantare la laurea è abbastanza patetico. Un po’ come comprare falsi per pura apparenza.
    Io non mi sono mai vergognato di non aver finito l’università. Non è certo una laurea nel cassetto che farebbe di me una persona differente. Il problema è sempre nell’esame re soddisfatti o no di ciò che di è. E io mi piaccio assai. A prescindere. Come direbbe Totò 🙂

    • La Rockeuse says:

      Esattamente, perché quel che conta è che persona sei, non certo che titoli di studio hai acquisito. E comunque non è la laurea che ti rende una persona soddisfatta o meglio, fino ad un certo punto, perché è qualcosa di relativo, come tutto nella vita. Io non ho lavorato un solo giorno con la laurea che ho preso, per dirne una e il mio non è un caso isolato, a dimostrazione che il pezzo di carta non ti cambia la vita 🙂

  7. Marco says:

    E’ un atteggiamento che dimostra come la laurea sia intesa solo come un pezzo di carta e oggi si sia svalutata al punto da non certificare davvero niente, ridotta ad orpello, a bella decorazione. Appunto come ha fatto Giannino (che volevo votare, prima che facesse questa figura) e che se avesse detto la verità (ha studiato economia da solo fino a capirne più di certi laureati) sarebbe stato un mito

    • La Rockeuse says:

      Sono d’accordo! Non capisco veramente il motivo di fingere questo o quell’altro titolo di studio. Che poi, di sti tempi, laurea o meno comunque campare e trovare un lavoro è difficile, quindi non dico che è inutile ma quasi. Poi ci sono moltissime persone colte e preparate che pur non avendo la laurea, si mangiano trilioni di laureati, quindi…

  8. francimakeup says:

    Io no non ce la farei mai, sarebbe per me avere un peso sullo stomaco. Ho conosciuto un ragazzo che l’ ha fatto, ha organizzato anche la festa e i genitori gli hanno anche fatto i regali, tra l’ altro in Architettura…

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s