Perché lei è una (…)

Snapshot_20130112

?

Miei cari,

oggi riflettevo su una delle tematiche più insidiose del mondo, seconda solo all’Anabasi di Senofonte, cioè a dire la vecchia storia secondo cui all’interno di un tradimento o comunque di un fattaccio ma anche solo di alcune libertà in campo sentimentale-sessuale, sono sempre le donne ad essere delle zoccole o peggio.

Mi domando perché da sempre si debba credere che se in una coppia c’è un problema, la colpa è sempre di quell’altra. A nessuno è mai venuto in mente, anche oggi ch siamo nel 2013, che forse anche lui può avere delle colpe? Ma anche gli uomini, non si sentono sviliti a essere considerati un mero oggetto di contendimento? Oppure dei fantocci in grado solo di farsi salire addosso qualsiasi cosa? Non hanno amor proprio?

Per non parlare della vecchia storia secondo cui, se un uomo ha tante ragazze è un figo, mentre la donna è una zoccola. Il fatto vero, e forse anche triste, è che spesso le vere zoccole non lo danno nemmeno a vedere, quindi si finisce per attribuire questo epiteto a gente che in realtà non lo è nemmeno. Ma anche lì, personalmente non vedo dove sia il problema se una vuole frequentare diverse persone ne ha tutto il diritto… e non venite a parlarmi di morale cattolica, perché ci sono persone che fanno questo tipo di considerazioni senza nemmeno essere chierichetti. Altra cosa triste è che le stesse persone sono le prime a sconvolgersi quando si nominano parole come “ginecologo” e “andrologo”, medici da cui non si dovrebbe andare mai, perché tanto la gente stava così bene anche nel Medioevo che non ce ne è bisogno.

Il punto dunque è: si tratta di ipocrisia o di mentalità inutilmente retrograda? O solo di prosciutto (tagliato spesso) sugli occhi?

Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Bimbominkiate, Carolina Invernizio, ImmanuelCastologia, La sfiga, Legge di Murphy, Non vi drogate bambini, Orrore a 33 giri. Bookmark the permalink.

22 Responses to Perché lei è una (…)

  1. cruezadema says:

    temo si tratti di un mix letale di tutte e tre le cose.

    “Per non parlare della vecchia storia secondo cui, se un uomo ha tante ragazze è un figo, mentre la donna è una zoccola.”

    penso di essermi incazzata per via di questa teoria almeno dieci volte alla settimana,mi causerà un infarto affrontare discorsi del genere con il pirla o peggio ancora la deficente di turno:se lo senti dire da uomo ti incazzi ma pensi “non è esattamente un essere pensante,non è colpa sua” e alla fine ti arrendi ma quando ascolti donne sostenere fermamente la tesi beh..o implodi o le mandi a cagare e al diavolo il dialogo.

    ps: ma qualcuno ci crede ancora alla storia della donnacattivachetirubailfidanzato?

    • La Rockeuse says:

      Mah sinceramente non lo so, però vedo che prende piede, nel senso che spesso ho sentito amiche dire “eh perché quella è una zoccola” quando il loro fidanzato non era uno stinco di santo. Non voglio generalizzare, certo, però insomma le cose si fanno in due!

  2. Salvo says:

    Beh facendo riferimento anche al tuo post precedente, sono quelli che quando si sfogano danno la colpa solo all’altro senza che pensare minimamente che è pure colpa loro. Sono pochi quelli che capiscono che la colpa è anche un po loro se le cose non hanno funzionato.

    Dipende dai casi perché c’è chi si sente svilito o un fantoccio (è da qui c’è chi parla male del\della partner perché si sentivano più coinvolti dell’altro), pero c’è anche quello che approfitta della situazione per sentirsi un macho(che ne parla come di uno\una “facile” che va con tutti ). Per non parlare poi del fatto che la situazione sembra degenerare di anno in anno, salvo alcuni casi.

    Inoltre sono d’accordo sul fatto che ognuno è libero di conoscere altre persone, il problema è che gli altri devono parlare di qualcosa e iniziano a parlarne bene o male per il gusto di farlo, che poi sono le stesse persone che prima per loro eri ok poi dopo sei diventato un conoscente.

    • La Rockeuse says:

      Anche questo è vero, i voltafaccia e i falsi amici purtroppo sono una costante della vita di tutti noi.
      E’ vero che ci sono casi in cui ci sentiamo più o meno coinvolti, oppure sviliti però anche lì bisognerebbe avere la coscienza di prendere atto che se qualcosa non va è anche colpa nostra, a meno che l’altro non abbia fatto una palese stronzata a sfregio.

      • Salvo says:

        Pero,adesso che mi è venuto in mente, c’è anche chi utilizza qualcuno\a per arrivare ad un altra persona, che fa sentire la persona prima coinvolta e poi usata appena si raggiunge la persona desiderata (questo è successo a due amici con una ragazza che prima se messa con uno e poi l’ha lasciato appena ha raggiunto l’altro, pero questo succede anche il caso opposto).

      • La Rockeuse says:

        Ah questi sono proprio inqualificabili. Un modo di fare che detesto.

  3. Vada per il prosciutto! Ok il plagio e il retaggio ma diamnine, uno la testa ce l’ha solo per farla manipolare da altri?
    Sta cosa l’ho sempre detta pure io, uno promiscuo è figo e invidiabile, se è femmina…vade retro…mah!
    Poi con berlusconi è successo pure che prima se uno le donne le pagava era uno sfigato, poi grazie a lui è diventato un figo. Punti di vista che non si capiscono bene…

    • La Rockeuse says:

      Ahahahah è vero! Ora andare a escort è una cosa da ganzi! Ma che pena!
      A me danno fastidio sempre i moralisti, perché non ha molto senso fare due pesi e due misure, lo trovo di un’ipocrisia unica!

  4. jesslan says:

    Ma la colpa in quel caso è sempre dell’uomo! Perché non credo che “quell’altra” lo obblighi ad andare con lei puntandogli una pistola alla tempia o minacciandolo di sterminargli la famiglia.
    È ipocrisia ed egoismo da un lato ed è anche una mentalità antiquata dall’altro. Mentalità nella quale la donna è zoccola se tradisce e l’uomo è figo, ma come sempre se si tira troppo la corda, questa si strappa e il figo passa da coglione.
    Purtroppo la mentalità comune è maschilista, la parità non esiste, è puramente teorica e scritta solo sui pezzi di carta, ma non esiste nella vita reale. Al di là dei miei trascorsi, parlo proprio in generale, lo vedo quotidianamente…io sono un ingegnere, ma sono una donna, quindi non sono valida come un uomo, secondo molti. Sono un ingegnere che mette la gonna, che si trucca, che cambia lo smalto frequentemente e che mette i tacchi…quindi sono considerata frivola, più donna e meno ingegnere; magari piaccio anche, ma non necessariamente per quello che so. Certe mie colleghe che magari escono in tuta (cazzo neanche alle medie io andavo a scuola in tuta!), non si truccano, non mettono vestitini, gonne o tacchi…allora vengono considerate un po’ di più, ma neanche tanto,
    È così e in Italia sarà sempre così! Chiudo con una perla: sai perché la donna media preferisce essere bella che intelligente? Perché l’uomo medio ha la vista più sviluppata del cervello!
    Ti mando tanti baci, buona domenica tesoro

    • La Rockeuse says:

      Ahahahahahah bellissima questa!
      Comunque è vero, ci sono determinati mestieri, come l’ingegnere ma anche quello del giornalista, in cui una donna viene considerata inferiore esclusivamente per il suo sesso. Una volta Mario Orfeo (quindi non l’ultimo arrivato) ebbe l’ardire di dirmi che secondo lui a una donna non conveniva fare la giornalista, perché era un mestiere che non si conciliava col suo ruolo di madre e mi disse addirittura che forse avrei dovuto fare “un’altra cosa”.
      E la libertà sessuale, come abbiamo detto, non fa eccezione a questa logica perversa, perpetrata pure da gente di “cultura”… mah.

      bacissimi a te e bona domenica ❤

  5. Luigi says:

    Si tratta di CERVELLO tagliato spesso e asportato via, altro che prosciutto.
    L’uomo che colleziona trofei mentre la donna assume valore di zoccola è imbarazzante per quanto è stupida come cosa, ma io l’attribuisco all’archetipica insicurezza maschile che vuole mantenere questi confini culturali per non sentirsi inferiore, e quella di molte donne a cui fa comodo che non cambi nulla.
    La questione delle contese io la vedo così: le donne fanno una puerile gara soltanto per il gusto della competizione, magari il fantoccio di turno non interessa granché, ma è il più “trendy” (sigh…) del momento, quindi si punta a quello. L’uomo, come giustamente dici, dovrebbe capire di essere solo mero STRUMENTO di conquista, come una coppa anche un po’ arrugginita, di essere solo un MEZZO per pompare l’ego della vincitrice di turno, dovrebbe rendersi conto. Ma il 90% delle volte non se ne avvede, gli basta farsi saltare addosso, è appagato così, non guarda al di là del proprio naso e si sente un gran figo.
    Le questioni mediche sono da Medioevo, decisamente…

    • La Rockeuse says:

      Aspettavo il tuo parere e non mi ha deluso!
      E’ vero che spesso le ragazze, come i ragazzi, cambiano partner seguendo l’onda del momento, senza nemmeno pensarci, però penso che derivi dallo svilimento moderno dei rapporti umani, che sono sempre più relativi oramai.
      Che poi molti ragazzi effettivamente nemmeno capiscono che sono effettivamente dei mezzi, loro son felici così perché basta che scopano e tanti saluti :/

      • Luigi says:

        Hai detto bene, per molte è una gara ad accaparramento perché è la società che impone di correre in metropolitana come nei rapporti: come il fast food c’è il fast love.
        Magari, nel mezzo della gara, capita l’interessata vera o quella che comunque lo fa per un SENSO che sia anche il semplice appagamento reciproco sessuale.
        A tal proposito: non c’è davvero nulla di male nel sesso di continuo, è un atto certo non di sofferenza, ma d’amore per entrambi. Come detto, diventa antipatico quando viene fatto “perché fa ragazzo/ragazza yeah”, perché lo fanno tutti, perché si vede nei telefilm, insomma, in modo impersonale; viene così sminuito, arriva a mancare lo sfizio e diventa solo una cosa macchinosa. Quando invece è tutta farina del proprio sacco, buon divertimento! 🙂

      • La Rockeuse says:

        Guarda io non sono di quelli contrari al sesso o che dicono che si deve fare due o tre volte la settimana al massimo (!), benché non abbia difficoltà ad ammettere che non ne faccio molto, mi infastidisce solo chi lo fa così, tanto per fare e appunto, sentirsi figo.

  6. francimakeup says:

    Amor proprio? Sviliti? Ma gli uomini non ci pensano nemmeno… Il loro pensiero è : uga uga tette tette… E’ un peccato che noi donne dobbiamo sprecare energie a sbranarci tra noi

  7. Ellie says:

    Guarda, non me ne parlare. Il mio coinquilino (per quanto per il resto sia simpaticissimo), è fermamente convinto che in quanto uomo, lui abbi il diritto biologico di tradire. Sì, perché visto che i suoi testicoli producono x-mila spermatozoi al secondo, questo gli dà l’obbligo morale di doversi svuotare. Mentre noi donne questo bisogno non l’abbiamo e quindi abbiamo l’obbligo morale di non tradire. E se lo facciamo siamo delle zoccole.
    Ti lascio solo immaginare la rabbia che mi fa mangiare con questi discorsi. Una volta addirittura, ad una festa, mi aveva assicurato che se il mio ragazzo fosse stato li e io non ci fossi stata, mi avrebbe sicuramente tradita. E questo senza neanche conoscerlo. Solo a pensarci mi viene ancora su il nervoso.

    • La Rockeuse says:

      Vabbè questo è fuori concorso :p
      a parte che il tradimento ha ben poco di fisiologico, giri d’ormoni a parte… ma dire addirittura che questo lo giustifica è una paraculata assurda!

  8. lumachinomenolattola says:

    però posso fare presente un lato del problema finora non considerato? posto che è vero che c’è più tolleranza se a fare schifezze sono gli uomini più che le donne, ma io, da donna, non ci proverei con uno fidanzato. per me una che ci prova con un ragazzo fidanzato è irrispettosa, insensibile e sicuramente un po’ zoccola. se poi lui ci sta è un coglione, e a quel punto sono fatti l’uno per l’altra.

    • La Rockeuse says:

      Ma se tu non sai che è fidanzato? è questo il punto. Non giustifico chi ci prova con quelli fidanzati, anzi, però spesso questi fidanzati ma anche le fidanzate, non dicono nemmeno di esserlo. Detto questo, questioni di rispetto a parte, penso tu da fidanzata/o dovresti dire “no grazie” altrimenti sei a quello stesso livello :/

  9. tizy1289 says:

    Se un amico vuole una trombaamica è un figo, se un’amica vuole un trombaamico è una troia.
    Allegriaaaa! Ma uno potrà ben fare sesso liberamente con chi cavolo gli pare?
    Per la questione tradimento io resto del parere che la colpa sia principalmente dell’uomo fedifrago: non hai le palle per dire alla tua fidanzata che con lei non stai più bene / non vuoi una storia seria e vuoi solo trombare, ergo sei un misero vigliacco che si nasconde dietro alla menzogna.

    • La Rockeuse says:

      E lo stesso vale per le donne che tradiscono senza dirlo. Allora io penso che una sbandata ci può anche stare, dipende ovviamente dal periodo e può (ripeto può, non è detto) essere perdonabile. Ma la doppia vita, per così dire, no!

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s