Come riconoscere un trombone e come liberarsene

Il Gatto della foto è il mio Gatto Chico, mentre il soggetto è un’immagine trombonizzata. Se sei tu il soggetto della foto, devi perdonarmi, in realtà ti voglio tanto bene e mi fai tanta simpatia, però ti trovo un poco tromboncello. Ma non prendertela, davvero, tutti sanno che sono una Mal-Vagina.

Miei amati,

chi di noi non conosce un trombone? Purtroppo, nessuno. Ma da oggi, grazie alla mia tecnica, affinata in anni e anni di trombonismo, potrete sbarazzarvi di qualsivoglia tromboneria in modo divertente e veloce! Vediamo insieme come si fa!

Da cosa si riconosce un trombone:

1 . E’ spesso in sovrappeso. In realtà fa tutto parte del suo piano “non mi curo perché sono troppo intelligente per pensare all’estetica”, quindi non lo fa meramente perché magna.

2. E’ trasandato e malvestito o firmatissimo. Per il motivo di cui sopra, ostenta un malvestitismo simile a certi radical chic sinistroidi se è vicino all’area del Pd, viceversa veste firmatissimo se è area PDL ma veste comunque male, perché non ha assolutamente alcun gusto nell’abbigliamento, essendo comunque un malvestito.

3. Indossa gli occhiali. Perché fa secchione della III B.

4. Ha ottocento accessori tecnologici, preferibilmente Apple. Sta sempre lì a twittare con l’iphone commenti scopiazzati sullo spread, oppure gioca ad Angry Birds sull’Ipad, fingendo di leggere l’ultimo numero del “Financial Times”.

5. Spesso ha una voce querula. Il che rende il tutto ancora più odioso, naturalmente.

6. Le sa tutte. E quando dico tutte, dico tutte. Lui sa tutto di tutto, non importa che stiate parlando di mozzarella di bufala o di bufale su Caravaggio, tanto lui, google alla mano, è un tuttologo (specie se fa il giornalista). Spesso ha frequentato un’università prestigiosa e ci tiene a sbandierarlo ai quattro venti col solo scopo di atteggiarsi.

7. Pensa di ascoltare buona musica e che la sua squadra sia la migliore. Peccato che pensi che Avril Lavigne faccia punk e che gli unici argomenti che ha per difendere la sua squadra (di calcio) siano che “la Juve ruba”. A volte però ci sono esemplari alternativi che dicono di disdegnare il calcio… diffidate assolutamente da costoro.

Bene, ora che avete individuato il nemico, ecco tre metodi infallibili per sconfiggerlo.

1. Fatelo innervosire. Lui è un azzeccatone? E voi allora dovete farlo innervosire. Sbizzarritevi, ogni modo è quello giusto purché perda le staffe.  Per esempio, se il trombone è un giornalista ed è cicciotto, fate in modo di sedervi vicino a lui in conferenza stampa e canticchiategli tipo nenia una canzone che gli faccia girare gli zebedei, magari questa. Voglio vedere che faccia fa quando vi sente dire “voglio una lipo-lipo-lipo”.

2. Ridete. Ha attaccato un pippone su uno dei soliti argomenti che padroneggia alla grande? Iniziate a fare battute a casaccio, del tipo “anche io due volte!” oppure “ah ma è la trama della prossima puntata di Gossip Girl? Lo segui anche tu? Non ti ci facevo!” ma anche “oh ma te lo fai uno spritz?” Insomma, fate i cazzoni e spiazzatelo. Non sentendosi calcolato, si chiuderà a riccio e tornerà da dove è venuto.

3. Fulminatelo. Questo è il metodo più rapido e incisivo che c’è, però attenti: per attuarlo dovrete abbandonare ogni eleganza, perciò se non è il vostro genere direi di puntare sulle altre due opzioni. Ad ogni modo, guardate il trombone mentre sta ciarlando, sospirate ed esclamate “Ma pensa a fottere!” (ovvero: pensa ad avere rapporti sessuali!). Rimarrà ammutolito.

Spero d’esservi stata d’aiuto!

Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Bimbominkiate, Carolina Invernizio, Giornalismi&giornalai, La sfiga, Lavoro, Legge di Murphy, Non vi drogate bambini, Orrore a 33 giri. Bookmark the permalink.

13 Responses to Come riconoscere un trombone e come liberarsene

  1. tizy1289 says:

    Qui a Brescia, città notoriamente sborona, è ricca di tromboni. Uno l’avevo dietro sulle scale mobili, oggi. Uno schifosone luridone, pettinato a ghianda, la panza e la camicia bianca da cui si intravedeva la canotta. Circondato da tre fighette, straparlava della sua mega casa con la sua mega piscina, in quel tono odioso strascicato del tipo “Cioèèèè, io sono trooooppo figo. Cioèèè, io c’ho i soldiiiii”:
    Bah, ci sono certe tizie che quando vedono sventolare un mazzetto di banconote si farebbero pure il cane del suddetto sventolatore.

  2. Bob says:

    La tua fissazione per Immanuel Casto è tremenda

  3. cruezadema says:

    perchè ho scoperto solo oggi questo bloG? adoro!!! 🙂

  4. Per le nuove leve/radical/alternative/borghesi di tromboni napoletani, ho un suggerimento..

    8) Millantano astruse teorie complottistiche: “loro” ci controllano; decidono “loro” per noi; “loro” mangiano, e noi lavoriamo. Ah dimenticavo… sono pure neoborbonici, loro. “Loro” di Napoli.

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s