Accade solo a Napoli

Io messa malissimo ad Ischia.

Miei cari,

sono tornata! Mi siete mancati molto! Mentre mi dibatto tra il caldo, la voglia di non fare niente e l’impacchettamento di varia roba, vi scrivo al solito il mio post randomico.

E’ crollata definitivamente la parete della mia stanza, quindi domani inizieranno i lavori e io devo sloggiare. Se mi volete accogliere in casa vengo volentieri, porto la birra magari.

Col caldo torna anche la gastrite, che cosa meravigliosa, sono proprio contenta. Quell’amorevole bruciore alla bocca dello stomaco che accompagna le tue giornate, diventando più acuto appena decidi scioccamente di ingerire qualcosa.

Sono stata ad Ischia come vi dicevo. Il soggiorno è andato bene finché non mi sono capitate le seguenti follie:

– Lo zio che odio di più si è palesato sabato con famiglia antipaticissima al seguito. Fin qui, direte voi, nulla da dire perché effettivamente è pure casa loro. Se non che, quando sono rientrata, l’idiota mi ha detto “Volevo chiamare i carabinieri perché pensavo ci fossero i ladri. Quando sono entrato ho trovato delle borse e delle cose in frigorifero”. Ora io non so lui a che ladri sia abituato ma personalmente, quelli che conosco io raramente portano delle borse (di solito le rubano) e ancor più raramente fanno anche la spesa. Non ho parole. Quando ovviamente mi sono lamentata della cosa con mia madre, s’è anche incazzata perché io non devo dare dell’idiota a suo fratello… senza parole. Fortuna che poi mi sono sfogata con mio padre il quale lo disprezza anche più di me. Non voglio dire nulla ma siamo nel 2012, esistono i telefoni, lui sapeva che andavo lì… perché fare questa sparata di cazzo?

– Non si trovavano aliscafi nè traghetti per il ritorno. Alla fine ho preso un biglietto da un bagarino ed è stato pure un bene, perché altrimenti mi toccava tornare lunedì mattina. La cosa migliore è che questi bagarini si accordano col personale della nave e rivendono gli stessi biglietti N volte (infatti li fanno pagare circa 13 euro, quando in media costerebbero 11, 70 euro, se così non facessero non ci guadagnerebbero nulla). Se ci pensate è un vero e proprio schifo. Ma è anche uno schifo che su un’isola così grande non ci si organizzi un attimo con più mezzi di trasporto, per non parlare della cafonaggine degli addetti in biglietteria, pari solo a quella degli addetti della segreteria di Lettere e Filosofia.

– Giunta finalmente a Napoli, non esistevano taxi e quindi ho dovuto prendere un taxi abusivo, ovvero un anziano signore ingobbito che offriva questo servizio clandestino per la medesima cifra dei taxi ordinari. Dovete sapere che in teoria a Napoli vige un tariffario comune a tutti, che prevede un’unica cifra per lo spostamento in diverse zone della città. Questo tariffario non viene applicato perché i tassisti se ne fregano e dicono di non poterlo fare perché la benzina costa troppo e ovviamente tutti se ne fregano, dalla polizia al sindaco. Quindi dal porto alla stazione centrale ti chiedono circa 15 euro, per un servizio che fa schifo perché è assurdo che al porto non ci siano taxi alle 18 e 30 di pomeriggio. Poi è chiaro che i clandestini ci marciano ed è anche un bene che ci siano. Roba da matti.

Detto questo, il MANTRA della settimana sarà BIRRA FREDDA! Perché si muore di caldo!

E voi? Che mi raccontate? 

Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Bimbominkiate, Carolina Invernizio, Giornalismi&giornalai, La sfiga, Lavoro, Legge di Murphy, Non vi drogate bambini, Orrore a 33 giri. Bookmark the permalink.

14 Responses to Accade solo a Napoli

  1. M.Elly says:

    …che dire.. l’Italia è fatta principalmente di questo. E di menefreghismo. Infatti, una volta tornata, starò a casa massimo un anno e poi ripartirò per altri lidi, e spero di restarci definitivamente stavolta.

  2. Nik says:

    Dì a tuo zio che se conosce dei ladri che mi facciano la spesa e me la lasciano in frigo, può dargli il mio indirizzo, perché io ne ho taaaanto bisogno

  3. ailuiG says:

    Nooo… I ladri che portano le borse e fanno la spesa sono da Oscar!

  4. Pipkin says:

    A me è piaciuto tuo zio che, quando gli è venuto il dubbio che potessero essere entrati dei ladri, è andato a controllare il frigo. Della serie: se mi hanno riempito il frigo FORSE non sono ladri, altrimenti prima saranno passati a fare la spesa e poi han posato a terra le borse per iniziare a svaligiarmi casa

  5. Amber says:

    io non ho le ferie… al massimo farò un weekend lungo. quindi mi consolo leggendo un po’ i blog di chi in vacanza ci va davvero e invidiando…. vabbé.
    per la gastrite ti consiglio un prodotto buonissimo che si chiama Riopan. credo che non serva neanche la prescrizione, é un farmaco da banco… e inoltre sa di cioccolato, il che non guasta!
    per il resto, puoi leggere un po’ di avventure demenziali e sfighe varie e assortite sul mio blog! 😉
    kiss!
    Fra

  6. dal chianti says:

    può sembrare senza senso … probabilmente vi vede come intrusi benché per etica soggiace all’ ospitalità coi familiari, ribadendo comunque che lui è il re nel suo feudo (ospiti indesiderati ?).
    Per la gastrite … sai qualcosa sull’ elicobattero ?

  7. dal chianti says:

    è un battero che nell’ intestino è nel suo ambiente naturale e se per stress, fatica e-o cattiva alimentazione (cacarelle) risale e s’ insedia nello stomaco … ed è la causa principale di questi guai
    ci vuole una semplice endoscopia con prelievo da analizzare, si combatte facilmente ed è altrettanto recidivante, specialmente per le anime in pena
    in parole povere, ma qui è meglio espressa, tranne che la gastroscopia sia dolorosa, per cui falla subito senza titubare
    http://farmacia.it/index.php/infosalute/articolo/12/1719

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s