Considerarsi come Ferruccio de Bortoli

Con Virginia al VinòForum!

Miei cari,

oggi solito post randomico dopo un’assenza di due giorni causa microtrasferta nella Capitale. Vi sono mancata, vero?!

Il titolo del post fa riferimento a un commento fatto da un mio amico a proposito di una nostra collega. Questa qui è la classica persona che si prende terrificantemente sul serio e secondo me si perde le gioie dell’esistenza tranquilla. Siccome è malmostosa e di brutta cera, spesso rifila a chiunque commenti piuttosto acidi e oggi il mio amico, colto sul vivo, le ha detto “Ma tu non sei neanche pubblicista e ti consideri Ferruccio de Bortoli”, intendendo dileggiarla col dirle “non sei neanche pubblicista”. Non penso sia la tessera a fare il giornalista e anzi, ci sono tanti colleghi professionisti indegni di questo nome e viceversa, quindi non si dovrebbe essere così schiavi delle etichette. Certo, non si dovrebbe nemmeno considerarsi alla stregua del direttore del Corsera però vabbè… ci siamo capiti, no?

Di palo in frasca. Ma voi credete ai fantasmi? Ultimamente sto sentendo in giro così, del tutto per caso, storie di spiritismo, di gente che vede fantasmi e compagnia bella. Per dire, un’amica di mia sorella sostiene che nel giardino del suo palazzo di notte passeggino gentiluomini in panni settecenteschi. Vi sono mai capitate esperienze del genere?

Sempre sui fenomeni pare-normali, grazie al mitico programma Mistero ho appreso che nell’isola di Ischia, da me e da molti napoletani frequentata da sempre, ci sono non una ma ben due veggenti (qui il video), le quali hanno fatto profezie sulla fine del mondo e altre amenità. Anche qui sono particolarmente scettica, nel senso che non so quanta bontà ci sia in queste persone… e quanta volontà di farsi pubblicità. La cosa strana è che io in anni di vacanze a Ischia non ne ho mai sentito parlare, il che è davvero strano. Voi che ne pensate?

Devo fare un post sulle credenze negative che riguardano i napoletani. Mi sono resa conto che siamo vittime di molti pregiudizi, purtroppo spesso a ragion veduta. Ho addirittura letto in un libro di Benedetto Croce che Napoli era considerata pericolosa e violenta addirittura in epoca medioevale…

 Della serie cose utili: ma sapete se si può ricaricare una postepay online tramite bancomat? (le perplessità di Rory: atto millesimo)

Avete notato quanta gente esibisce già un’abbronzatura TROPICALE? Hanno tutta la mia invidia, io manco dopo tre mesi di mare! So che magari è gente che si fa le lampade, la qual cosa è molto tamarra, me ne rendo conto, però se non avessi problemi di pelle (leggi nei, efelidi, brufolazzi, ecc ecc) non vi nascondo che me le farei anche io, almeno per non sembrare sempre Biancaneve e i sette scemi.

Inizia l’estate e arriva l’insonnia. Preparatevi a qualche nuovo racconto di tipo delirante.

Notizione che mi è appena arrivato: i saldi inizieranno tra meno di un mese, il 7 luglio! Mettetevi i soldini da parte! 

E voi? Che mi raccontate? 

Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Bimbominkiate, Carolina Invernizio, Giornalismi&giornalai, La sfiga, Lavoro, Non vi drogate bambini, Orrore a 33 giri. Bookmark the permalink.

9 Responses to Considerarsi come Ferruccio de Bortoli

  1. wow sei stata qui nella capitale!!!
    Evvivaaa per i saldi!
    I fantasmi??? Ohhhh no… che paura spero non sia vero anche se in effetti aggirandoti dalle parti mie verso fine maggio viste le coreografie ispirate al tema …qualcosa di simile l’avresti vista 🙂

  2. ellevibi says:

    L’ho visto anch’io quel servizio a Mistero e anch’io mi sono stupita che nessuno avesse mai parlato di queste veggenti…però una cosa mi ha lasciata un po’ basita, ossia il fatto che hanno fatto vedere un giornale del 1995 mi pare nel quale c’era un articolo in cui le veggenti dicevano di aver visto crollare delle torri e la statua della libertà…insomma l’11 settembre. Com’è possibile? Forse sono solo credulona io…

    Per la postepay: credo proprio di no, ogni volta mi tocca la posta o la tabaccheria…

    L’amica di tua sorella è molto inquietante,,,paura!!!
    (ho letto la tua domanda e confesso che la risposta non è così ovvia, cioè è ovvia per me ma difficile da esprimere…con calma poi ti rispondo 😉 )

    • La Rockeuse says:

      Si anche a me ha fatto strano sentire della storia dell’11 settembre in più t’assicuro, vado ad Ischia da anni ma non avevo mai sentito parlare di queste due veggenti, il che mi insospettisce un pochino ma vabbè.
      Per la postepay purtroppo penso anche io :/ mi tocca fare la fila, che divertimento! però ecco, magari vado dal tabaccaio che è meglio!
      L’amica di mia sorella inquieta anche me, più che altro perché il suo palazzo non è lontano dal nostro… brrr!
      (grazie mille! Sapevo che mi avresti risposto con cognizione di causa e non la solita scemenza genere “quando sarai mamma…”)

  3. Io razionalmente non credo ai fantasmi, nè ho avuto – e spero di non averne mai – esperienze paranormali (se escludiamo una sera a Parigi, me la sono fatta sotto: ho fatto una foto a una mia amica e riguardando quello che avevo scattato sembrava che intorno a lei ci fosse una specie di scheletro.. probabilmente era solo un fascio di luce che aveva assunto una forma strana – era sera ed ero senza cavalletto, quindi era obiettivamente facilissimo che ci fossero delle strisciate luminose nella foto – ma siccome sono rimasta traumatizzata dal film Shutter mi sono comunque presa un discreto scagazzo). Il problema è che poi quando è buio, è notte, sono in casa da sola, e sento un rumorino, è finita, mi tornano in mente tutti i trailer di film horror e inizio a dire tutte le mie preghiere. O in alternativa, a cantare. Ho la convinzione che il rumore e la musica tengano lontani i fenomeni paranormali.
    La fifa è direttamente proporzionale alla grandezza e all’isolamento della casa in cui mi trovo, per la cronaca.

    • La Rockeuse says:

      Come ti capisco!
      per fortuna nelle foto non mi è mai capitato di vedere nulla di strano ma anche io se sono a casa da sola, soprattutto la sera, è finita. E sì, più grande è la casa peggio è! Nella mia casa al mare ad Ischia che è enorme cerco di non star sola nemmeno di giorno :p

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s