Ma i giovani sognano stage elettrici?

La Veronica di Bisanzio. (con nuovo ciuffo)

 Miei amati,

per questo post serio ho preso spunto da due video, uno di Posh Venus e uno di Marta-Barbie Xanax, il primo che tratta dell’argomento stage e stagisti, il secondo delle collaborazioni aggratis.

Secondo Posh Venus, non sbagliano le aziende a proporre stage gratis ma chi li accetta. Penso che questo sia parzialmente vero, poiché qualche fortunello tramite stage è riuscito in seguito a collaborare con l’azienda e addirittura a trovare lavoro. Certo, sarebbe MERAVIGLIOSO se le aziende ti rimborsassero almeno le spese ma purtroppo in questo triste mondo malato, quest’è. A volte ci troviamo costretti a fare stage perché non c’è veramente nient’altro da fare e quindi meglio lavorare aggratis che frustrarsi a casa. Il vero discorso, secondo me, è riuscire a trarre profitto dall’esperienza di stage e non rimanere con le mani in mano a scaldare la sedia, cosa non semplice ma possibile.

Devo dire di aver lavorato bene (più o meno) in tutte  gli stage che ho fatto e francamente li rifarei, perché sono stati delle belle esperienze. L’unica episodio davvero negativo che non dimenticherò mai perché è una cosa davvero schifosa, fu quando, al termine di uno dei suddetti stage, fu offerto un contratto di collaborazione all’unico stagista che non era giornalista (veniva dalla facoltà di Scienze Politiche e non da una scuola di giornalismo come gli altri). In seguito mi spiegarono che era una manovra per evitare che noi “giornalisti” ci rivolgessimo in futuro al sindacato o cose del genere… insomma una vera cazzata, un giornale che non fa lavorare i giornalisti, vi lascio immaginare.

In conclusione, dico sì a gli stage (anche gratis) purché fatti bene… e brevi.

Sul lavoro aggratis invece sono categorica: NO. Primo perché un lavoro non retribuito non è lavoro, secondo perché spesso in queste situazioni vieni anche trattato come lo scemo del villaggio che appunto “lavora senza essere pagato”: oltre al danno pure la beffa. Bisognerebbe davvero rifiutarsi di fare queste cose anche se mi rendo conto che per uno che rifiuta, ci sarà sempre qualcun’altro che accetta, quindi arrestare questo fenomeno mi pare praticamente impossibile.

Che poi, io mi domando: perché è così complicato ribellarsi in blocco a queste logiche perverse del lavoro aggratis? Perché non li mandiamo tutti sonoramente a quel paese? Perché c’è sempre e dico sempre qualcuno che alla fine accetta di lavorare senza essere retribuito?

Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Bimbominkiate, Carolina Invernizio, Giornalismi&giornalai, La sfiga, Lavoro, Legge di Murphy, Non vi drogate bambini, Orrore a 33 giri. Bookmark the permalink.

6 Responses to Ma i giovani sognano stage elettrici?

  1. Sono pienamente d’accordo: è necessario un movimento collettivo, un NO deciso detto da tutti.

  2. Adriana says:

    Non sai quanto sono d’accordo. E la penso come Momo, il mio sogno sarebbe uno sciopero di tutti gli stagisti, co.co.co, co.co.pro., lavoratori in nero e immigrati irregolari: quello sì che fermerebbe l’Italia.

    • La Rockeuse says:

      Infatti, il dramma è che ci sarà sempre chi non si aggregherà all’eventuale sciopero magari “per non rischiare” e cagate varie. Non si rendono conto che così danneggiano prima di tutto loro stessi!

  3. fragolinaperdovere says:

    Sono molto d’accordo su tutto quello che hai detto!Gli stage sono molto formativi, e non solo lavorativamente parlando ma anche umanamente!E soprattutto credo che il fatto di non essere pagati alla fine fa solo sentire molto frustrati noi giovani che cerchiamo sempre più di inserirci in questo triste e difficile mondo di vecchi!(scusa lo sfogo!) 🙂

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s