Luca Telese si è aperto una pornorivista (ma magari)

Ciao sono Gollum!

Miei cari,

come avrete capito, oggi vi narrerò di un aneddoto riguardante il nostro sarchiapone Luca Telese (che saluto ovemai leggesse! Ciao!) che ha deciso di fare le valigie Louis Vuitton da “Il Fatto” e di aprirsi una baracca tutta sua.

Un mio collega, entusiasta della notizia, mi chiama dicendomi “Hai sentito! Ma che bella notizia!” ma io gli ho comunicato subito le mie perplessità. Fermo restando che un giornale che si apre è sempre una buona notizia in tempi di crisi dell’editoria, verrò ad elencarvi le motivazioni per cui penso che ‘sta cosa sia una scemenza, anche se di certo avrò un seguito:

1-  Da qualche parte ho letto che l’amico Telese ha dichiarato di aver messo su una redazione di giovanissimi anzi gggggiovanissimi di TRENTACINQUE ANNI. Allora niente contro ai trentacinquenni, sia ben chiaro ma non li si può certo definire giovanissimi anche perché sennò io rivoglio lo status di ADOLESCENTE.

2- Francamente dubito che Telese inizi a scegliere gente a mezzo curriculum e perciò dubito fortemente che arrivi mai ad incontrare anche solo per un colloquio conoscitivo me o qualcuno dei miei colleghi, perciò tutta questa gioia mi lascia indifferente.

3- Penso che Telese se ne sia andato per scazzi con Travaglio ma ho il timore che questo suo giornale sarà della stessa sostanza de “Il Fatto”. Insomma, è come trovare le differenze tra “Playboy” e “Penthouse”. Poi vabbè, si vedrà.

4- Il nome del giornale sarà “Pubblico”. Bel nome, devo dire, assai fantasioso.

In buona sostanza, penso che Telese sarebbe stato davvero innovativo se avesse fondato una rivista erotica, magari un po’ di classe e non troppo spinto, genere “Le età di Lulù”, con qualche bella rubrica stile “Gola Profonda – tutti gli sputtanati dal web” di genere politico ma anche qualcosa di musicale, tipo “Porn Groove” e via discorrendo. Scusate il delirio.

E voi che ne pensate? meglio un nuovo quotidiano o una pornorivista?

Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Bimbominkiate, Carolina Invernizio, Giornalismi&giornalai, La sfiga, Lavoro, Legge di Murphy, Non vi drogate bambini, Orrore a 33 giri. Bookmark the permalink.

11 Responses to Luca Telese si è aperto una pornorivista (ma magari)

  1. Lifeislife says:

    Hai ragionissima. Un nuovo giornale di carta (!) nel 2012. Telese è matto da legare, ma da opg sono quelli che lasciano il Fatto per seguirlo. Ma che giochini da cronisti viziati. E cmq sì, meglii porn groove

  2. Bob says:

    Ma chi si comprerà mai sto giornale? Penso giusto i nonni di quelli che ci lavorano. Da quello che ho letto penso che lui avesse già in mente di fare questa cosa e avesse trovato anche la gente con cui lavorare, quindi figuriamoci se andava a prendere gente “normale” e non raccomandatissima.

  3. Pipkin says:

    E c’è da chiederlo? Pornorivista forevah.

  4. Adriana says:

    Io avrei votato per la pornorivista. Ma ti dirò, immaginare Telese che discetta di sesso con il suo physique da comodino con i baffi mi lascia un po’ perplessa.

  5. carlomirante says:

    Ma, a questo punto, meglio una pornorivista…

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s