Mean Girls, o della moda dell’antipatia

Mettersi l’indurente per unghie fa molto mean, devo ammetterlo.

Miei amati,

ricordo ancora con orrore quando scoprii all’università che alcune persone mi consideravano una specie di mean girl, ovvero una str… di prima categoria. Prima non ero mai stata considerata tale, nemmeno al liceo, che è il regno delle mean girls e anzi, a scuola mia non ce ne erano nemmeno (strano ma vero, c’era tutta gente abbastanza subnormale ma non troppo molesta) quindi non ero pronta ad affrontare la cosa.

Ultimamente però mi sono resa conto del nuovo fenomeno che sta prendendo piede, un qualcosa che è una specie di nuovo terribile trend, come fu qualche anno fa quell’orribile abito lungo a righe orizzontali di H&M, che addosso a me faceva subito carcere, ovvero quello dell’essere ANTIPATICI  a tutti i costi. La moda di applica nella vita reale e soprattutto sul web, perché dietro lo schermo siamo tutti più fighi e ha il sapore di quelle ribellioni adolescenziali che tutti abbiamo passato.

Come quando le mamme ci dicevano di sorridere, di essere carini e di comportarci bene con la polizia (ehm…), noi ci incazzavamo, indossavamo la nostra maglietta di Che Guevara e facevamo i rivoluzionari di piazza con la birra da 80 centesimi. L’antipatico modaiolo è così però in versione 2.0, quindi fa pure meno simpatia. Sono quelli che danno risposte di cazzo quando chiedi un’informazione, quelli che “nessuno mi capisce” pure se hanno trent’anni  o quasi (ma chi ti deve capire, figlio mio?), quelli che la loro vita è una merda, quelli che hanno una faccia da funerale per tutto e una pessima parola per tutti, quelli che malmostoso/malanimo is the new black e che rasentano a volte la cafonaggine.

Onestamente non li capisco, cerco sempre di essere positiva e di sorridere alla sorte avversa, anche perché credo che porsi in modo antipatico verso il prossimo sia negativo innanzi tutto per noi (chi ha voglia di fare due chiacchiere con uno scassacacchi?) e poi per essere antipatici si deve pure essere un poco cattivi e io mi ritengo una brava persona, alla fin fine.

E voi? Che ne pensate? Avete notato la nuova moda dell’antipatia?

Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Bimbominkiate, Carolina Invernizio, La sfiga, Legge di Murphy, Me, Non vi drogate bambini, Orrore a 33 giri. Bookmark the permalink.

7 Responses to Mean Girls, o della moda dell’antipatia

  1. says:

    Della categoria citata da te, esiste l’accezione partenopea che definirei “versione 2.1”, capace di diventare “2.1.1” se di genere femminile.. si sa che noi siamo sempre un passo avanti.

  2. si l’ho notata, fa tipi duri e invece fanno ridere, tra l’altro c’è gente che facendo l’antipatica crede di suscitare pure invidia…in molti imprecano contro ignoti su fb con molta antipatia per far vedere quanto sono fighi e che non li meriti (non c’è nulla da meritare), cioè loro non lo sanno ma tu capisci che l’ignoto sei tu, quando li smascheri diventano dei pappamolla che si arrampicano sugli specchi!

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s