Non regali (di Natale) ma opere di bene

Ho fatto un giretto per le tipiche bancarelle natalizie che mettono nel centro storico di Napoli e, ispirata, ho provato a fare qualche scatto e mi è venuta anche un’idea alternativa per i regali in questi tempi di grisi.

Via S. Chiara, i passanti e le bancarelle

La prima idea carina potrebbe essere quella di acquistare i regali esclusivamente nei mercatini, comprando qualcosa di artigianale o che sia, in un certo senso, unico.

Quei saponi avevano un profumo meraviglioso. E questi caschi dipinti a mano (o decorati tipo decoupage – spero si scriva così) sono veramente belli, altro che quelle tamarrate Hollywood Milano.

Regalare qualcosa di vintage è sempre una bella idea, anche se non si spende poco (purtroppo) ma almeno si ha un pezzo unico. Poi ci sono i libri, che per me sono sempre un regalo più che gradito e in tempi in cui l’editoria è in grossa grossa grisi, è proprio il caso di comprarne il più possibile!

Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Fotografie, Non vi drogate bambini, Rock'n'roll, Scoop!. Bookmark the permalink.

14 Responses to Non regali (di Natale) ma opere di bene

  1. Demart81 says:

    Hai ragione, regalami un libro! Anche dalle bancarelle di Portalba. Basta che non sia tipo Labirinto femminile…

  2. Ilcugino Gionn says:

    Ci sono stato l’anno scorso a fare un video dietro Santa Chiara, c’erano anche allora i caschi e altre cose moooooooolto belle da regalare. Di sicuro i miei presenti li farò lì, per lo più, o a san domenico

  3. Elettra says:

    Ho preso anche io qualche regalino alle bancarelle di Santa Chiara e da oblomova vintage ❤ ci lavoravo..

  4. Bob says:

    Mi piace solo la foto Vini e Oli, pare una cosa da film horror però. E la scritta vintage sulla lavagnetta fa trattoria.
    Ma come e la tua listona piena di roba costosa da farti regalare? come mai questa conversione bancarellara?

    • La Rockeuse says:

      Ma quelle erano tutte cose più o meno utili :p e comunque penso che, tranne il cellulare, non avrò proprio niente di quel che avevo chiesto!
      Alle bancarelle, invece, ci son sempre andata volentieri!

  5. Diana says:

    Ti ho appena scoperto e già ti lovvo.
    Io aspirante giornalista casertana che scrive su piccolo settimanale.
    Ma io vecchia, ho già 28 anni, quindi ti stimo 😀

    Diana

  6. Diana says:

    Su il Caffè…ci scrivo da 12 anni, ma siccome sono una scellerata solo ora mi sono messa con la capa a fa’ bene per il patentino 😦 speriamo per i 30 :D)))

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s