L’uomo ideale

Di notte l’ormone non aiuta, dunque ho deciso di poter fare questo post che volendo potrebbe pure diventare una specie di catena di Sant’Antonio (s’usa ancora questo termine? o è già vetusto?), quindi se qualcuno passa di qui e vuol fare lo stesso (maschi o femmine che siate), siete i benvenuti.

Ecco le regole: assembleremo varie parti di persone che ci piacciono a caso per formare il nostro uomo/donna ideale!

  • La voce: sono una rockdipendente, perciò la voce è una cosa importante. La voce è tutto. E la mia voce preferita in assoluto è quella di Mauro Giovanardi. Non commenterò (e non dite niente manco voi! ahhh!) perché poi divento volgare.
  • L’ironia: uno che sta con me deve essere ironico, altrimenti non credo resisterebbe. L’unico che riesce a farmi riprendere nei momenti di maggior avvilimento è il mio Ciccio. Sa sempre che battuta fare e rende leggera anche la più pallosa delle conferenze stampa. Non ho (ancora) video suoi divertenti, appena ne carico uno ve lo metto.
  • La penna: amici, io sono giornalista. Uno che mi colpisce sa sicuramente mettere penna in carta, anche perché io amo cose romantiche tipo poesie, canzoni, racconti (non tanto le epistole, preferisco che le cose mi vengano dette in faccia, belle o brutte che siano). E qui ci metterei la penna di Stefano Cappellini (!!!), ça va sans dire.
  • L’eleganza e lo stile: sono una un po’ fissata con queste cose ma chiariamo: alla giacchetta Fay preferisco l’eskimo. Mi va bene qualsiasi stile basta che questo ci sia. Tanto per capirci: non amo chi si veste rotolandosi alla cazzo nell’armadio. Lo stile che comunque il mio cuore più ama è quello degli Strokes (avant-garde rispetto all’indie).
  • La psicologia: vi prego, io ho bisogno d’essere capita. E pure aiutata. E quindi mi ci vuole uno che mi ascolti, anche solo per finta. E possibilmente che non sia troppo svalvolato e che non fugga davanti ai problemi (insomma, se è gente che davanti ad una complicazione preferisce darsi alla macchia e non rispondere neanche più agli sms… beh, hasta luego). Insomma, uno come Paolo Crepet.
  • I bambini: anche se non sembra perché sono una forcaiola, lo ammetto, amo i bimbi e voglio diventare mamma. Quindi non dico che il mio uomo ideale deve amare alla follia i pargoli ma almeno non deve scappare quando li vede. E qui ci metto Morgan, che è un babbo bravissimo e borderline, come piace a me.
  •  L’estetica: last but not least, l’estetica, perché anche l’occhio vuole la sua parte. E qui a vincerla è il mio amico Immanuel Casto, che oltre ad essere figo assai è anche membro del MENSA… mica robetta! (Vado matta per la combo occhio chiaro-pelle chiara-capello chiaro, sono parte della schiera di quelle che sognano ancora il principe azzurro, anche se io ci ho sempre creduto poco ed ho preferito quello bianconero).
Ed ecco creato il mio piccolo Frankenstein! Che ne pensate?
Intanto, vi lascio con questa qui.
Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Bimbominkiate, Carolina Invernizio, Non vi drogate bambini, Rock'n'roll. Bookmark the permalink.

2 Responses to L’uomo ideale

  1. Bob says:

    La cosa che mi fa più sorridere di te è questo dividerti tra Giovanardi e Cappellini (ma poi… uno dei due ti si filerà davvero? Ok, sei una ragazza carina… diciamo pure che sei bella ma questo non fa di te una persona realmente interessante o appetibile, specie per gente a quel livello).
    Ma quello che io mi domando e a cui ovviamente risponderai con una delle tue solite rispostine del cazzo che ti fanno credere la figa giornalista intelligentissima è: ovemai Giovanardi veramente e dico veramente si interessasse a te, tu che faresti?
    E parlo sul serio, non di te che sbavicchi qui sul blog ma di opportunità che si concretizzano.
    Cioè ti piacerebbe stare con uno così più grande di te?
    Ci staresti davvero?
    Oppure te ne verresti fuori che i tuoi amati genitori, che hanno speso tanti soldini per farti diventare questa bella figlia di papà che sei, non approverebbero? E tu che fai tanto l’alternativa non avresti certo le palle di dire “No, sto con lui perché lo amo”, perché avresti paura di perdere giustamente tutti i dinei.
    E i tuoi amichetti che ne direbbero?
    Il tuo caro Ciccio pensi che non ti criticherebbe?
    Rispondi se hai il coraggio.

    • La Rockeuse says:

      Grazie mille, adoro sentirmi dire che non sono interessante!
      Dunque, sinceramente, che si tratti di lui o di qualsiasi altra persona, indipendentemente da età, razza o religione, se mostrasse – ricambiata – interesse verso di me, inizierei a frequentarla a conoscerla, nessuno si mette con quancun’altro a scatola chiusa. O no?
      E se mi ci trovassi bene certo che ci starei davvero, non vedo dove sia il problema. Non sono ipocrita: io la vedo proprio così, se ho voglia di stare assieme ad una persona ci sto, non mi faccio troppe pippe mentali, perdonami il francesismo.
      Mi dici che i miei “che hanno speso tanti soldini” non lo accetterebbero… ma cosa ne sai? Sono una persona adulta, non penso che mi ostacolerebbero, non ne avrebbero motivo.
      Idem Ciccio. Non credo tu lo conosca (o sbaglio?) ma non è la persona che critica così, per partito preso, anzi tutte le volte che ha qualche remora me lo dice in faccia perché è un vero amico. Penso che anche se non fosse d’accordo o non gli piacesse la persona con cui sto, me lo direbbe di sicuro ma non mi abbandonerebbe o non mi criticherebbe.

      Ma poi… non mi pare di aver fatto proposte su questo blog, anzi! Però come vedi, rispondo, sempre e comunque 😉

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s