Come evitare di ubriacarsi ma, quando tutto va male, come riprendersi

“Un vodka martini. Agitato, non mescolato”

Da brava personcina trash quale sono, uso sempre questa frase quando ordino da bere, credendo di essere figa ma rendendomi solo ridicola (!). Ad ogni modo, oggi siamo qui per parlare di mbriachere, ubriacature, appetacciamenti, sbronze.

Parlando con un team di sbevazzoni (mio padre, amici, colleghi…), gente molto esperta in materia, ho cercato di stilare una specie di vademecum su come evitare un’ubriacatura ma soprattutto, su come riprendersi il giorno dopo ed evitare di fare gli zombie, di farsi fare cazziate da mamme-babbi-vicini di casa-coinquilini intolleranti e riuscire ad essere decenti per eventuali lavori-scuole-università.

How to – NON ubriacarsi: Come dovete fare per evitare di ubriacarvi?  Allora, qui ci sono diverse scuole di pensiero. Un consiglio vecchio come il cucco e che mi sento di dare è “Non mischiate”. Non fatevi due bicchieri di vino, una birra chiara, una birra bruna e due cocktail a casaccio. E’ il modo migliore per finire sotto un treno e risvegliarvi in tristi situazioni. Se bevete solo una cosa, l’organismo in qualche modo si abituerà e potrete eccedere un po’ di più senza troppi danni. Poi ci sono due metodologie di cui mi hanno parlato, che ora vengo ad esporvi.

Metodologia della frutta: Alcuni miei amici dei Paesi del Nord utilizzano questo metodo, che però non ho mai provato. Prima di uscire per una bella bevuta, mangiano un paio di frutti molto dolci, perché sostengono che lo zucchero che è contenuto in essi aiuti a bloccare l’effetto negativo dell’alcol. Francamente, non mi sembra proprio una genialata però non saprei, magari per loro funziona!

Metodologia delle cose nzivate: (trad: grasse). Questo è un metodo testato anche da me e devo dire la verità, funziona abbastanza bene. Prima di partire per la solita mbriachera, mangiate qualcosa di grasso (tartine, un bel pezzo di casatiello, salumi, formaggi, un bel pezzone di burro sul pane…): i cibi grassi proteggono in un certo senso il nostro stomaco.

Altri piccoli tips: bevete lentamente, in modo da far assorbire poco a poco l’alcol al vostro corpo. Se comincia a girarvi già la testa, smettete di bere: ok essere brilli ma ritrovarsi in coma etilico NO. Tra un drink e l’altro, bevete un po’ d’acqua. Vi aiuterà a bere meno ma soprattutto, a tenervi idratati. Uscite sempre in compagnia… non si sa mai.

How to – Come riprendersi dall’ubriacatura: Allora, sarà brutto ma ve lo dico: vomitare fa bene. Vi libererete dell’orrore che c’è dentro di voi e vi sentirete subito meglio. Poi dormite tanto, state belli al riposo, in modo da recuperare. Bevete tanta acqua, the verde, reidratatevi insomma. Evitate, se potete, il caffè. Una tazzina va bene ma non bisogna eccedere, perché disidrata e noi dobbiamo essere reidratati. Prendete qualche vitamina (un supradyn magari o quello che volete) e mangiate qualcosa di secco, che asciughi i succhi gastrici in eccesso, soprattutto se avete vomitato. Quindi il pane con un po’ di formaggio o prosciutto cotto andrà benissimo. Cercate di mangiare anche se l’odore del cibo vi nausea, magari bevete un brodino che fa sempre bene.

Ma ricordatevi: non esagerate sempre o troppo! L’alcol fa male! Lo sapete, forza, non mi fate fare la parte della mammina saccente!

Se avete altri consigli, esperienze che volete raccontare, quello che volete voi….scrivete!

Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Bimbominkiate, Legge di Murphy, Non vi drogate bambini, Orrore a 33 giri. Bookmark the permalink.

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s