Perché non partecipo più alle manifestazioni

Come tutti i miei amati lettori sapranno, oggi c’è stata la famosa manifestazione a Roma degli Indignados.

Quando ero più giovane, quando ancora non capivo bene le cose, ero sempre solita partecipare alle manifestazioni, con grande ardore e sentimento. Lo facevo perché ci credevo davvero, pensavo che avremmo veramente potuto cambiare qualcosa scendendo in piazza.

Adesso non è che non ci creda più, ho semplicemente capito come giravano le cose.

Già da mercoledì, erano iniziate a girare voci su gruppi di blackblock milanesi, che sarebbero scesi a Roma per fomentare gli animi dei manifestanti, cosa che si è verificata oggi e che, per essere giunta alle mie orecchie, probabilmente era già ampiamente arrivata a piani ben più alti del mio. Per come erano ben coordinati, più che blackblock sembravano una squadra di Zeman (assist di Cristiano Vella, thanks!).

Poi oggi la scena era sempre quella, identica a quella del G8 di Genova (ve lo ricordate?). Violenza, incendi, mazzate, pietre addosso, aggressioni e via discorrendo. Il tutto condito dal telecronista del Corsera che narrava le gesta dei menifestanti live dal corriere.it ed era più terrorizzato lui che la gente che veramente è finita presa a calci. La scena migliore è quando una bottiglina di vetro (tipo succo di frutta) è stata lanciata ad almeno 20 metri da lui, addosso ad un gruppetto di 5 poliziotti in assetto da guerra e lui ha iniziato ad esclamare “Oddio! Lanciano le bottiglie! è meglio che ce ne andiamo o ci finiamo sotto pure noi!”.

Ridicolo e vergognoso.

Ecco come sono diventate le manifestazioni oggi, ecco i colleghi asserviti che le descrivono.

Morale della favola? Altro che anti Silvio, il Governo è più saldo che mai, ça va sans dire.

Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Giornalismi&giornalai, Lavoro, Legge di Murphy, Non vi drogate bambini. Bookmark the permalink.

3 Responses to Perché non partecipo più alle manifestazioni

  1. Bob says:

    Vuoi sentirti dire che sei la migliore, sei la più figa.
    Ti bombi i vecchi e sei pure comunista, vai alle manifestazioni.
    Ma per favore, lo sappiamo che tu certe cose te le guardi su REPUBBLICA.TV.

  2. M.Elly says:

    Hai ragione, anche io da ragazzina andavo alle manifestazioni, vuoi perchè il cervello di una 16enne arriva fino ad un certo punto, vuoi perchè credi davvero di poter cambiare il mondo. Le manifestazioni di oggi, anche se pacifiche, vengono smerdinate come quella di ieri da persone che a parer mio dovrebbero essere rinchiuse a vita in cella. Non ha senso distruggere manifestazioni con lanci di bottiglie, incendi, vetrine rotte… e alle persone oneste che la mattina si alzano per andare a lavoro e trovano il loro bar o il loro negozio distrutto da questi gruppi di teste di merda, che vogliamo spiegare???? Ma per favore…

    • La Rockeuse says:

      Bravissima!
      si rendono conto che hanno sfasciato, bruciato, distrutto cose che appartengono ad altri che magari chissà con quali difficoltà sono riusciti a comprare/mettere su/pagare?
      Mi pare tutto così assurdo, anche perché sono cose evitabilissime, si sapeva da giorni che i blackblock si stavano organizzando… mah.

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s