Il lavoro (in senso stretto)

Questo post nasce da due spunti

  • Un simpatico commentatore che mi dice che devo andare via di casa.
  • L’altro giorno ho letto su un blog (che non citerò semplicemente perché non ricordo di chi fosse) “Si può disprezzare il lavoro anche di questi tempi in cui il lavoro non c’è, perché il lavoro non è una cosa bella, non è divertente, è fatica”
Questione numero uno: ma dove vado? Caro commentatore, io me ne andrei veramente volentieri. Ma ti invito ad aprire un qualsivoglia giornale per capire che no, non c’è molto lavoro per noi gggiovani, sia in Italia che all’Estero, a causa di una cosa che si chiama “crisi economica”. Uno dei settori, tra l’altro, più colpiti, è quello del giornalismo. Strano ma vero. Perciò o fai il freelance, tirando a campari per un po’ in attesa di qualche buona occasione, o è meglio che cambi mestiere. Per il momento sono già fortunata ad avere un tetto sulla testa, al resto penseremo dopo.  Ad ogni modo, se hai qualche lavoretto per me, rendimene partecipe!
Questione numero due (che è più filosofico): con la disoccupazione che c’è, penso proprio che disprezzare il lavoro sia una specie di peccato mortale. Ora percarità, mi rendo conto che avere un lavoro che si ama veramente spesso è difficile se non impossibile, però resta comunque un lavoro che ci consente di vivere, quindi non mi pare cosa buona e giusta il dileggiarlo pubblicamente. Detto questo, io amo il mio lavoro. E’ faticoso, a volte non da soddifazione ma io lo amo. Per me è divertentissimo, non mi pesa affatto. Forse sono fortunata, forse non mi rendo conto di quello che dico, però è così. E la penso così anche perché recentemente mi è successa una cosa non piacevole. Mi lamentavo con un mio collega di quanto mi sfruttassero (senza retribuirmi) in un giornale con cui collaboravo. Alchè questo mi fa “Almeno sei fortunata. Io per fare il praticantato devo pagare di tasca mia i contributi.” Chiaramente questo è un paradosso dei nostri tempi. Si paga per lavorare, perché c’è chi strumentalizza la nostra passione. E su questo triste episodio, purtroppo, c’è ben poco da commentare.
E voi che ne pensate? Vi dedico questa, frattanto che prendo accordi col suo booking per intervistarlo (evviva!).
Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Carolina Invernizio, Giornalismi&giornalai, La sfiga, Lavoro, Legge di Murphy, Non vi drogate bambini, Orrore a 33 giri. Bookmark the permalink.

6 Responses to Il lavoro (in senso stretto)

  1. M.Elly says:

    mmhh… ho fato i lavori più disparati di cui l’ultimo è stato decisamente imbarazzante. E il tutto per miseri 400 euro al mese. Con una laurea sulla groppa, ovvio. Il tutto condito dall’età che avanza e dai tanti STAGE che ti propinano. Non rifiuto alcun tipo di lavoro, semmai continuo a coltivare i miei sogni nel tentativo di realizzarmi professionalmente nel mio campo ma per il momento studio, lavoro facendo quello che mi capita e continuo per la mia strada. Chi dice che il lavoro lo disdegna non ha capito nulla e c’ha il babbo con i baini (soldi) che lo campa e lo vizia.

    • La Rockeuse says:

      Concordo completamente con te. Io faccio tutto quello che mi capita per le mani, perché c’è crisi, perché ho bisogno di lavorare… perciò mi avvilisco quando poi gente che non mi conosce mi prende per (citandoti) una viziata coi baini!

  2. Lifeislife says:

    Beh mica male fare il freelance. Cioè, il posto fisso o semifisso sarebbe l’ideale ma in periodi difficili bisogna pur ingegnarsi, e i freelance se hanno stoffa fanno anche bei quattrini

    • La Rockeuse says:

      Eh…fosse facile. Nella realtà le cose vanno molto, molto peggio. Se sei a Napoli ti consiglio di passare al Precaria festival che si terrà in questi giorni al Maschio Angioino 🙂

  3. Lifeislife says:

    Ho un paio di amici che fanno video e li vendono, anche a Rainews24, a testate online. Non navigano nell’oro ma, a quanto mi dicono, sempre meglio che aspettAre l’elemosina dalle varie redazioni. Secondo me bisogna sapere sempre cosa vuole il mercato. Credo che anche twitter sia nato così, studiando cosa vuole la gente di oggi e nn basandosi sui desiderata di ieri e dell’altroieri (nel senso di secolo scorso)

    • La Rockeuse says:

      No ma se aspetti l’elemosina…stai fresco purtroppo. O meglio, magari ti dice anche bene se lavori gratis per un po’ e poi ti assumono o comunque ti fanno avere delle entrature (cosa comunque non facile). Però non mi arrendo mica io!

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s