Quello che ancora non ho capito

A 18 anni sarebbe dovuto essere tutto diverso. Ci avevano detto che saremmo diventati adulti e tutto sarebbe cambiato.

A 25 anni avremmo dovuto maturare una certa consapevolezza. Solo i migliori, però, avrebbero già trovato la propria strada. Gli altri l’avrebbero trovata dopo o forse mai.

Avremmo dovuto studiare tanto, lavorare ancora di più. Più lotti, più otterrai soddisfazione.

E invece che siamo diventati?

Una riedizione di quello che eravamo.

Abbiamo immagini migliori, una copertina rigida. Siamo più belli, a volte. Ma siamo sempre gli stessi. E mica tutti sono dei volumi pregiati.

Quelli che hanno la fortuna di esserlo, possono reinventarsi. Diventano delle ristampe. Ma anche le ristampe hanno una data di scadenza.

Poi siamo destinati a diventare vecchi sui nostri scaffali. Le immagini si deteriorano, si ingialliscono. I nostri abiti d’epoca fanno ridere. Dentro siamo sempre gli stessi, se tutto va bene. Anche le pagine si staccano o peggio, non si legge più quello che c’è scritto perché l’inchiostro si consuma.

Tutto finisce, prima o poi.

Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Bimbominkiate, Carolina Invernizio, La sfiga, Me, Non vi drogate bambini, Orrore a 33 giri. Bookmark the permalink.

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s