Riflessioni sul matrimonio

Eccomi just back dal matrimonio. Ok, la foto non è granchè e manco la mia faccia ma mi conoscete.

Post rapido a fronte di varie considerazioni con alcuni amici sul matrimonio.

Allora io non credo al matrimonio, non credo che mi sposerò e onestamente manco mi dispiace. Ma soprattutto, ovemai dovessi sposarmi, farei una roba semplicissima perché il significato del matrimonio è stare insieme ad una persona perché la si ama, non mangiare a ufo o conciarsi come un confetto con gli ormoni. Comunque, ovemai mi sposassi, prima mi assicurerei di avere un lavoro, in modo da non dovermi preoccupare riguardo come pagere il conto dopo. Non mi interessa sposarmi, non sono così disperata da supplicare qualcuno perché mi sposi nè mai lo farò. Non indosserei mai un abito bianco perché non sono più vergine manco mentalmente, quindi figuriamoci. Per il resto, il top sarebbe trovare uno che ti ama veramente e non uno che ti sposa e poi se ne fotte.

p.s. un amico di mio padre dice che si dice “contrarre” solo di malattie, debiti e matrimoni. Un motivo ci sarà, no?

Advertisements

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Bimbominkiate, Carolina Invernizio, Legge di Murphy, Me, Non vi drogate bambini. Bookmark the permalink.

9 Responses to Riflessioni sul matrimonio

  1. Adriana says:

    Anouk – Nobody’s Wife: http://www.youtube.com/watch?v=3RaHTDNude4

    Te la dedico 🙂

  2. M.Elly says:

    un matrimonio costa mediamente sui 15/20.000 euri tra affitti, fiori macchina (ma a che serve la macchina a nolo per arrivare in chiesa???), abiti, foto, filmini e pasti. Ovvio che se ti compri un abito da barbna, sui 1.000 euro, risparmi. Cioè… io con 20.000 euro ci campo due anni, ci faccio il giro del mondo o ci arredo casa (all’Ikea).
    Il “TRUCCO DA SPOSA”costa sui 100 euro e “L’ACCONCIATURA” sui 300. Ma stiamo scehrzando? perchè una scema qualcunque che si sposa non si fa fare la messa in piega (o anche l’acconciatura) come se fosse una festa qualsiasi??? Farsi fottere 300 euri di capelli quando ne potresti spendere al massimo 80 è da dementi.
    Il bello è che la gente spende e spande per una sola giornata. C’è chi fa finanziamenti per sposarsi. Per un giorno solo, per una festa. Che tristezza.
    Io dico sempre che non mi sposerò, che trovo assurdo e altamente egoistico impegnarni al punto di giurare eterno amore a qualcuno. Dico sempre che spendere tutti quei soldi per un solo giorno è da stupidi (mi si rompe le palle perchè ho speso 200 euro del mio bracciale di tiffany ma se ne volessi spendere anche solo 10.000 per sposarmi non si stupirebbe nessuno) e mi viene risposto: “perchè non sei innamorata”. Certo, se io amo il mio ragazzo gli giuro eterno amore in una chiesa che mi è costata di affitto un botto di soldi e non contenta, poi, devo anche pagare pranzo e cena a circa 100 persone. Che idiozia.

    • La Rockeuse says:

      Concordo tipo al mille per cento e mi riempie il cuore leggere che qualcuno la pensa esattamente come me!
      Il dramma è che ci mangiano tutti: il parrucchiere appena parli di “matrimonio” ti spara subito il prezzone, quando poi spesso si tratta di una banale messa in piega (tra parentesi io vado dal parrucchiere solo a tingermi i capelli, molto raramente tra le altre cose), per non parlare del visagista-make up artist, del vestito, della chiesa, dei fiori, del pranzo.
      E alla fine che senso ha tutto questo? Nessuno. Anzi, uno: intripparsi. Sono a favore del matrimonio al livello religioso, nel senso stretto di unione e proprio per questo, penso che una cerimonia sobria rispecchi al meglio il vero significato di questo rito.

  3. M.Elly says:

    tutto è buono per spendere e spandere. La gente è proprio cogliona.

  4. Oh dei, per fortuna che non siamo così rare a pensarla così sul matrimonio! 😉
    mi aggrego, e credo che mi rivenderò sottobanco il “conciarsi come un confetto con gli ormoni”, perchè è di una bellezza inenarrabile.
    tanti saluti e baci! 😀

  5. Arianna says:

    Arrivo per caso al tuo blog e da novella sposa non posso esimermi dal commentare questo post.
    Figlia di genitori separati più di vent’anni or sono, ho sempre nutrito forti dubbi riguardo al matrimonio. Tuttavia, quando ho conosciuto Luca e mi sono innamorata di lui, ho pensato quasi da subito di sposarlo. Sarà stato un colpo di calore, quella sbronza da Montenegro, non lo so, ma abbiamo deciso di farlo (7 anni dopo quella sbronza, ma l’abbiamo fatto).
    Il vestito bianco sì (avorio in realtà), ma non perché io sia casta e pura, anzi.
    Abbiamo deciso di non sposarci in chiesa, di fronte a un uomo che dovrebbe rappresentare qualcosa di spirituale ma che chiede “offerte”, avrebbe guardato di storto mio cugino (gay) e avrebbe condannato i nostri anni di convivenza nel peccato.
    Abbiamo usato una vecchia auto di famiglia, abbiamo selezionato gli invitati (tanti alla cerimonia, molti di meno al ristorante), stampato i menù con la stampante di casa, mi sono fatta truccare da una persona onesta che mi ha chiesto 20 euro e mi fatto pagare il lucidalabbra che mi ha messo e che mi sono ovviamente portata via per ritoccarmi il trucco, mi sono fatta pettinare dalla mia parrucchiera di sempre che mi ha chiesto la stessa cifra di sempre, i fiori in comune li ho riutilizzati al ristorante, le foto (splendide, sul mio blog c’è il link, se ti interessa), me le ha scattate mio cugino appassionato di fotografia, abbiamo concluso la serata ballando sulle note di un ipod attaccato ad una cassa senza scomodare nessuna orchestra o presunta cantante.
    E’ possibile sposarsi anche senza farsi inculare millemila euro per ogni piccola cosa, basta ragionarci.
    Forse, se tu mi avessi vista, penseresti che ero un confetto con gli ormoni; forse, sono una stupida/cogliona che pensa che giurare amore eterno ad una persona sia una cosa splendida.
    Pazienza, rispetto il tuo punto di vista. Io il 9 luglio ho vissuto davvero il giorno più bello della mia vita.

    • La Rockeuse says:

      che dirti? sei stata fortunata e ti invidio anche un pochino, invidia buona chiaramente! Anche io rispetto il tuo punto di vista, anche perché sono storie come le tue che mi fanno ancora ben sperare nel mondo, sotto sotto. E poi, il 9 luglio è il mio onomastico!

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s