Sanremo: il giorno del giudizio

Ma non è fantasticamente vintage questa pagella?

E dire che quando andavo a scuola io, la pagella era un foglio di carta abbastanza cheap… non c’erto un’opera in puro stile art nouveau! che tristezza!
Comunque, torniamo a noi.

Avrei voluto farvi un video su Sanremo come l’anno scorso ma visto che sono dinuovo malata (evviva) e non voglio certo tediarvi con la mia faccia cadaverica (anche perché pensereste che si tratta di un video-provino per il prossimo film di Dario Argento ma non temete, non voglio ancora rubare il lavoro alla mitica Asia), quindi, in attesa di stare meglio, ho preparato queste pagelle in stile Luzzatto Fegiz.

Non vi preoccupate, non sono una di quelle carampane che seguono Sanscemo ma siccome mi occupo di musica, mi piace tenermi aggiornata sul Festival canoro più trash di tutto il Bel Paese (not only r’n’r for me).

Le pagelle

Al Bano: Basta, Albà basta. Fai la stessa canzone da 20 anni, cambi soltanto di poco la melodia ma gli acuti da mal di pancia straziante sono sempre gli stessi. Fai rimpiangere la hit della tua ex (la Lecciso). Voto: 2

Luca Barbarossa e la figa a caso: Una partecipazione inutile. Li avrei visti meglio alla sagra del Cinghiale di Trentola Ducenta. Voto: 3 (per incoraggiarli a partecipare alla sagra) [Mi dicono che la figa è la moglie del pilota Alonso. Ora è tutto più chiaro]

Giusy Ferreri: ahahahahahahaha. Ma è uno scherzo? Ma quando torna all’Esselunga? Voto: 1

La Crus: I La Crus sono bravissimi, nulla da eccepire se non il colore di capelli di Giovanardi. Anche il coretto di Irina Skassankazoya è veramente gradevole. Voto: 9

Madonia&Battiato: Non volevo dirvelo così ma Madonia&Battiato hanno secondo me plagiato il pezzo “Io la do” di Immanuel Casto. Non si fa, brutti cattivi. E poi, Madonia mio caro, c’era bisogno di dare il rohypnol a Battiato? Sono certa che ci sarebbe venuto comunque al festivàl. Voto: 6 (perché avete copiato Immanuel che a me piace)

Modà&Emma Marrone: ricordiamoci che questo è lo spin off di Amici&X-Factor, quindi ce li meritiamo questi qui. Sembrano i Negramaro con Elisa. Avrebbero potuto osare di più da un punto di vista scenico, per esempio lei sarebbe potuta arrivare dentro una bara… ah no, quello l’ha già fatto lady Cacca. Voto: 5

Nathalie: Anche lei fa parte del famoso spin-off. Speravo che si presentasse come un pezzotto di Roisin Murphy all’amatriciana, invece sembra mia cuginetta Giovanna spaventatissima per il suo primo saggio di danza. Peccato. Voto: 4

Anna Oxa: Premessa: costei s’è lamentata perché ha detto di esser stata penalizzata dal suo look troppo “avanti”… Senza parole. Canzone pietosa, come al solito. Voto: 3

Max Pezzali: Non credevo l’avrei mai detto ma il nuovo Pezzali, che tenta di rifare gli 883, fa sentire la mancanza del suo vecchio gruppo e soprattutto di Repetto. Con un look in puro stile Michele Misseri e una dentatura che urla “chiamate un dentista”, il nostro suscita solo pena. Voto: 5 (per pietà)

Patty Pravo: Ok, la Patty ha stonato. Ma è già un  miracolo che regga ancora, all’età sua, dopo tutto quello che ha combinato. Forza Patty, siamo tutti con te! Voto: 6

Anna Tatangelo: Un brano neomelodico, anche se tradotto in lingua italiana e leggermente arricchito al livello strumentale, resta sempre una porcheria. Soprattutto se lo canta lei, che poi si è lamentata, assieme all’omonima Oxa, di essere stata maltrattata dalla giuria per il suo look. Mah Mah e poi Mah. Voto: 2

Tricarico: A me questo qui fa tanta tenerezza. Conciato com’era ieri da Tony Manero, sembrava anche più disadattato del solito. Il pezzo non è male, è anche migliorato come voce, tra l’altro. Voto: 7

Van de Sfroos: Più che il comasco, io avrei cantato in napoletano (s’intende). Il pezzo comunque è senza infamia e senza lode… ma con questi chiari di luna (anzi di festivàl) non posso che salvarlo. Voto: 6

Vecchioni: Canzone adatta al mood del festivàl ma anche a quello del buon Robertone. Ma tanto non vincerà mai. Voto: 8 (per incoraggiamento)

E ora, buon intervallo!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

About La Rockeuse

Eh, ce ne sarebbero di belle da dire.
This entry was posted in Giornalismi&giornalai, Lavoro, Orrore a 33 giri. Bookmark the permalink.

2 Responses to Sanremo: il giorno del giudizio

  1. Ciccio says:

    Mi sono divertito da matti a leggere i tuoi giudizi Rory. Ho immaginato se li leggesse Morandi dal palco dell’Ariston… sai che risate…
    Sabato vogliamo le previsioni per la vittoria!

Dammi amore!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s